Credito di imposta per la sanificazione dei luoghi e ambienti di lavoro

RAMSES GROUP NEWS n.79 – 4 Maggio 2020

La Circolare n. 9/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate chiarisce l’ampliamento del Decreto Liquidità all’agevolazione per la sanificazione degli ambienti di lavoro.

Il Decreto Liquidità ha ampliato le tipologie di spese ammesse al credito di imposta per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, attribuito agli esercenti attività d’impresa, arte o professione. Il credito di imposta sanificazione è del 50% fino ad un massimo di 20.000 euro per il 2020, anche per gli acquisti di altri dispositivi per limitare i contagi.

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 9 del 13 aprile 2020, chiarisce alcuni punti del Decreto Liquidità, tra cui il credito di imposta per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro.

Il credito d’imposta sanificazione potrà essere utilizzato anche per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale compreso, l’acquisto di mascherine chirurgiche (Ffp2 e Ffp3), guantivisiere di protezione e occhiali protettivitute di protezione e calzari.

L’incentivo è attribuito, fino ad un massimo di 20.000 euro per ciascun beneficiario, nella misura del 50% delle spese sostenute nel periodo d’imposta 2020.

Credito di imposta sanificazione

Il Decreto Liquidità, ha ampliato il credito di imposta per le spese di sanificazione, ntrodotto dall’art. 64 del Decreto Cura Italia n. 18/2020.

Innanzitutto, il nome dell’agevolazione diventa “credito di imposta per le spese di sanificazione e per l’acquisto di dispositivi di protezione nei luoghi di lavoro”.

Lo scopo era quello di ampliare le spese ammissibili all’agevolazione.

L’ampliamento dell’ambito applicativo è finalizzata ad incentivare le misure preventive alla diffusione del virus Covid-19 nei luoghi di lavoro.

Le tipologie di spese ammissibili sono:

  • Le spese per la sanificazione degli ambienti di lavoro;
  • Spese per la sanificazione degli strumenti di lavoro;
  • Le spese per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale dei lavoratori;
  • Le spese per l’acquisto di altri dispositivi di sicurezza dei lavoratori.

Fra i dispositivi di protezione individuale rientrano:

  • Mascherine chirurgiche, mascherine Ffp2 e Ffp3;
  • Guanti;
  • Visiere di protezione e occhiali protettivi;
  • Tute di protezione e calzari.

Nei dispositivi di sicurezza volti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici o a garantire la distanza di sicurezza interpersonale rientrano i seguenti:

  • Barriere protettive;
  • Pannelli protettivi;
  • Detergenti mani.

Chiarimenti dell’Agenzia delle entrate

Per quanto riguarda gli strumenti per la sanificazione, la Circolare n.9/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate specifica, che, il credito di imposta è previsto anche:

“per l’acquisto e l’installazione di altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici o a garantire la distanza di sicurezza interpersonale (quali, ad esempio, barriere e pannelli protettivi). Sono, inoltre, compresi i detergenti mani e i disinfettanti.”

Beneficiari del credito d’imposta

Il credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici, spetterà ai soggetti esercenti attività d’impresaarte o professione.

A quanto ammonta l’entità del credito d’imposta?

Il credito di imposta ammonta:

  • In misura pari al 50% delle spese ammissibili sostenute nel periodo d’imposta 2020;
  • Fino ad un massimo di 20.000 euro di credito d’imposta spettante per ciascun beneficiario;
  • Nel limite complessivo di spesa pari a 50 milioni di euro per il 2020.

Il tetto di spesa fa capire che l’agevolazione non è, automaticamente, concessa a tutti quelli che ne avrebbero diritto per requisiti soggettivi e oggettivi. Tuttavia, il Decreto Cura Italia e il Decreto Liquidità non hanno stabilito niente in merito.L’importo stanziato di 50 milioni di euro, dovranno, comunque, essere gestiti da Invitalia, l’Agenzia nazionale per lo sviluppo.

Fonte FISCOMANIA.COM


Esteso il credito d’imposta per le spese di sanificazione

Il testo del “Decreto Legge Liquidità” (D.L. 23/2020), approvato dal Consiglio dei Ministri il 06.04.2020 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 94 del 08.04.2020, contiene un ampliamento dell’ambito applicativo oggettivo del credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro.

La modifica apportata consiste nell’estensione delle tipologie di spese ammissibili all’agevolazione a favore dei costi di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi di sicurezza, atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici e a garantire la distanza di sicurezza interpersonale.

L’ampliamento dell’ambito applicativo oggettivo è coerente con la ratio legis, finalizzata ad incentivare le misure preventive alla diffusione del virus Covid-19 nei luoghi di lavoro.

Le tipologie di spese ammissibili al novellato credito d’imposta per spese di sanificazione sono dunque le seguenti:

  • spese di sanificazione degli ambienti di lavoro
  • spese di sanificazione degli strumenti di lavoro
  • spese per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale dei lavoratori
  • spese per l’acquisto di altri dispositivi di sicurezza dei lavoratori.

Sull’ampliamento del novero dei costi ammissibili la relazione illustrativa al D.L. Liquidità fornisce un’elencazione esemplificativa dei dispositivi di protezione individuale e degli altri dispositivi di sicurezza.

Fra i dispositivi di protezione individuale rientrano i seguenti:

  • mascherine chirurgiche, mascherine Ffp2 e Ffp3
  • guanti
  • visiere di protezione e occhiali protettivi
  • tute di protezione e calzari.

Fra gli altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici o a garantire la distanza di sicurezza interpersonale rientrano i seguenti:

  • barriere protettive
  • pannelli protettivi
  • detergenti mani.

Restano confermate le altre caratteristiche del credito d’imposta in esame.

Quanto all’ambito applicativo soggettivo i potenziali beneficiari sono i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione.

Risulta confermata anche l’entità del credito d’imposta:

  • in misura pari al 50% delle spese ammissibili sostenute nel periodo d’imposta 2020;
  • fino ad un massimo di 20.000 euro di credito d’imposta spettante per ciascun beneficiario;
  • nel limite complessivo di spesa pari a 50 milioni di euro per l’anno 2020.

L’operatività dell’incentivo è attualmente sospesa in attesa dell’emanazione del D.M. del Mise, di concerto col MEF, da adottarsi entro il 15.04.2020, 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Cura Italia.

Il D.M. stabilirà criteri, modalità applicative e modalità di fruizione del credito d’imposta, che non sono definiti nel testo di Legge.

Nella seguente tavola sinottica si riepilogano le caratteristiche del novellato credito d’imposta per le spese di sanificazione e per l’acquisto di dispositivi di protezione nei luoghi di lavoro:


Credito d’imposta  per le spese di sanificazione e per l’acquisto di dispositivi di protezione nei luoghi di lavoro – articolo 64 D.L. 18/2020 come modificato dal D.L. Liquidità
Ambito applicativo soggettivoEsercenti attività d’impresa, arte o professione
Ambito applicativo oggettivoSpese di sanificazione:
– degli ambienti di lavoro
– degli strumenti di lavoro
Spese per l’acquisto di:
dispositivi di protezione individuale dei lavoratori
dispositivi di sicurezza dei lavoratori
Entità dell’agevolazione50% delle spese ammissibili sostenute nel 2020

Limite di euro 20.000 di credito d’imposta spettante a ciascun beneficiario

Fino ad esaurimento risorse stanziate per 50 milioni di euro
Fruizione del credito d’impostaDa definirsi con Decreto del Mise, di concerto col Mef, di prossima emanazione

Fonte Euroconference news


RAMES GROUP

Finanza e Progetti

IL TUO CONSULENTE SU MISURA PER ACCEDERE AI FINANZIAMENTI   

E’ A DISPOSIZIONE PER L’ESPLETAMENTO DELLE PRATICHE PREVISTE

 con il suo TEAM ed i suoi ESPERTI  in innovazione aziendale, welfare e incentivi fiscali e finanziari è al fianco di qualsiasi tipo d’impresa in un percorso di crescita personalizzato. Da sempre Ramses Group finalizza i suoi  progetti alla sostenibilità aziendale e a valorizzare  le capacità e le competenze interne, le innovazioni relative a ciascun settore di attività e gli strumenti finanziari utilizzabili e realizzabili sulle singole realtà.

SEGUIAMO LA PREFATTIBILITA’ GRATUITA 

che consiste nell’analizzare il possesso da parte dell’azienda dei principali requisiti.

PROGETTIAMO, PREPARIAMO ed INOLTRIAMO

 la modulistica prevista.

ASSISTIAMO l’azienda 

in tutti i passaggi formali  previsti e necessari, la cui condizione  necessaria e imprescindibile per il successo dell’operazione.

SUPPORTIAMO l’azienda 

nella fase di rendicontazione e controllo ex post.

RESTIAMO AL FIANCO dell’azienda 

per qualsiasi controllo ex post.

Pagamento esclusivamente

“Success Fee”


PER INFORMAZIONI SCRIVI A  info@ramsesgroup.it

CONTATTACI

AI NUMERI T 085 9493758 – 085 9495867


RAMSES GROUP

Azienda leader nel campo della Finanza Agevolata
è l’interlocutore privilegiato nei rapporti con 
Banche, Enti ed Istituzioni

Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore Legale
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore Legale
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it  Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi