Transizione 4.0: per favorire le imprese nella transizione tecnologica e sostenibilità ambientale

Aggiornamenti sugli incentivi previsti dalla Legge di Bilancio 2020

Il MISE ha presentato una programmazione pluriennale che offre un confronto sui risultati raggiunti in questi anni dalle misure previste dal Piano Impresa 4.0, rivelando un nuovo assetto degli incentivi già esistenti, in linea con il D.D.L. di Bilancio 2020. Qui di seguito i dettagli della presentazione Transizione 4.0.

Confronto dei dati a consuntivo del Piano Impresa 4.0 anno 2017

I dati a consuntivo del Piano Impresa 4.0 sul 2017 evidenziano che le imprese di medio-grande dimensioni hanno goduto in prevalenza delle misure fiscali principali: l’iper ammortamento su beni materiali ha agevolato le medie e grandi imprese per il 64%, mentre il credito d’imposta R&S il 63%.

Lo schema del D.D.L. di Bilancio 2020 prevede lo stanziamento di risorse finanziarie per un ammontare complessivo di 7 miliardi di euro, finalizzato ad aumentare la platea di PMI beneficiarie (+40%), attraverso la proroga di super ed iper-ammortamento, credito d’imposta R&S, bonus formazione 4.0 ed altri incentivi per la sostenibilità ambientale.

Revisione degli incentivi industria 4.0 (anticipazioni sulla Legge di Bilancio 2020)

IPERAMMORTAMENTO

Sarà riconfermata per il 2020-2022 la misura per beni materiale ed immateriali. La proposta del MISE prevede la sostituzione dell’iperammortamento con un credito d’imposta diversificato in base alla tipologia di investimento. Il bonus sarà fruibile in compensazione a partire da gennaio dell’anno successivo, rispetto all’anno in cui si è sostenuto l’investimento.

Le nuove aliquote di contributo sono le seguenti:

  • Beni materiali 4.0: credito d’imposta fruibile in 5 anni del 40%, fino a 2,5 milioni (beneficio fiscale annuale dell’8%) e del 20% tra i 2,5 e i 10 milioni (beneficio annuale da 8 a 5%).
  • Beni immateriali (software in ottica 4.0): l’aliquota è del 15% (beneficio del 3% su 5 anni), fino a 500.000 € di investimento.
  • Beni coperti dal superammortamento: bonus pari al 6% (beneficio dell’1,2% su 5 anni), fino a 2 milioni di investimento. L’accesso al superammortamento sarà svincolato dall’acquisto di beni agevolati con l’iperammortamento (come invece era previsto dalle misure già esistenti).

CREDITO D’IMPOSTA RICERCA & SVILUPPO 

Il Credito d’imposta per le spese di ricerca e sviluppo rimane in vigore fino all’anno 2020, ma si parla di un’estensione delle tipologie di spese relative ai costi per Innovazione e Design.

Le aliquote diversificate del 25% e del 50% saranno sostituite da:

  • 12% per le spese in R&S, fino ad un massimo di 3 milioni di euro;
  • 6% per le spese in innovazione, fino a un massimo di 1,5 milioni di euro;
  • 6% per gli investimenti in design, fino a un massimo di 1,5 milioni di euro.

BONUS FORMAZIONE 4.0

Proroga del Bonus Formazione per l’anno 2020, con spesa massima autorizzata pari a 150 milioni di euro per l’anno 2021. È prevista anche una semplificazione delle procedure: eliminazione dell’obbligo di firmare gli accordi sindacali aziendali o territoriali.

Altre risorse previste dal programma Transizione 4.0

Previste altre risorse del Ministero dello Sviluppo Economico dedicati ai seguenti incentivi del Piano Impresa 4.0, valide per il triennio 2020-2022:

  • Grandi progetti di ricerca e sviluppo nei settori applicativi “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”
  • Interventi a sostegno dei progetti di R&S nei settori applicativi “Fabbrica intelligente”, “Agrifood” e “Scienze della vista”
  • Interventi agevolativi in favore di progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito delle tematiche dell’economia circolare e della riconversione produttiva (Bonus Green Economy)
  • Macchinari innovativi
  • Digital transformation
  • Voucher per la consulenza in innovazione (Voucher Innovation Manager)

Seguiranno ulteriori aggiornamenti sugli incentivi relativi al Piano Industria 4.0 con l’approvazione, entro fine anno, della Legge di Bilancio 2020.

Fonte: https://www.gruppodelbarba.com/nazionale/transizione-4-0-incentivi-legge-di-bilancio-2020/


RAMSES GROUP

Azienda leader nel campo della Finanza Agevolata
è l’interlocutore privilegiato nei rapporti con 
Banche, Enti ed Istituzioni

Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore Legale
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore Legale
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi