Programmi di inserimento sui mercati esteri: modalità operative

mercati esteri

Semplificate le modalità di accesso ai finanziamenti destinati ad agevolare il lancio e la diffusione nei mercati extra UE di beni e servizi prodoti in Italia, oppure distribuiti con marchio di imprese italiane, attraverso l’apertura di stabili strutture quali uffici, show room, magazzini, un solo negozio o corner.

FINALITA’: realizzazione di programmi di investimento finalizzati                                                                                                                                                                                                                                   — al lancio e alla diffusione  di nuovi prodotti / servizi                                                                                                                                                                                                                              — all’acquisizione di nuovi mercati per prodotti/servizi già esistenti. I programmi devono essere rivolti a Paesi che non sono membri dell’Unione Europea.

 

SOGGETTI BENEFICIARI :  tutte le imprese italiane aventi sede legale in Italia, in forma singola o aggregata. Non possono essere finanziate le imprese operanti, nei settori esclusi ai sensi del regolamento “de minimis”

 

INIZIATIVE AGEVOLABILI :  il programma può riguardare l’apertura di nuove strutture già esistenti, non configurabili come rete di distribuzione all’estero, volte ad assicurare in prospettiva la presenza stabile nel mercato di riferimento

Le strutture possono essere costituite da un ufficio , uno showroom, un negozio o corner.

Le strutture possono essere gestite direttamente dall’impresa italiana o tramite un soggetto terzo locale

– non partecipato (trader); in questo caso il rapporto con l’impresa richiedente deve essere documentato da un contratto, con l’indicazione  delle attività da svolgere, dei costi degli spazi messi a disposizione e del personale eventualmente fornito;                                                                                                                                                                                                                                      –  partecipato ( società partecipata locale); in questo caso l’impresa richiedente deve fornire l’atto costitutivo e deve essere specificato se le spese  saranno sostenute dall ‘impresa richiedente per il 100% o limitatamente alla quota di partecipazione

Il programma deve riguardare il lancio e la diffusione di                                                                                                                                                                                                                                                             – beni e/o servizi prodotti in Italia                                                                                                                                                                                                                                                                   –  beni e/o   servizi non prodotti in Italia , ma comunque distribuiti con il marchio di imprese italiane.

Il programma può riguardare un solo Pese di destinazione e massimo due Paesi di proiezione nella stessa area geografica. Nei Paesi proiezione ossia  Paesi diversi  da quello di destinazione in cui è realizzato l’investimento, si possono effettuare esclusivamente spese per promuovere il bene/servizio.

Se l’impresa è interessata più Paesi di destinazione, può presentare più domande anche contemporaneamente, nel rispetto dei limiti di  seguito indicati.

 

SPESE AMMISSIBILI:    spese di funzionamento della struttura;  spese per attività promozionali;   spese generali, nella misura forfettaria del 30% nella somma  delle spese previste per il funzionamento della struttura e le attività promozionali.

Nel caso  di programmi di imprese già presenti con una propria struttura nel Paese di destinazione, sono ammessi al finanziamento i soli costi incrementali riguardanti la locazione/acquisto e il personale: – di una nuova struttura in aggiunta a quella già  esistente, di diversa tipologia; – di una nuova struttura in sostituzione di quella già esistente, della stessa tipologia.

Sono  invece ammessi per intero i costi di allestimento e gestione delle strutture, i viaggi del personale operante in via esclusiva all’estero e le spese promozionali.

Nel caso di un’impresa già presente tramite trader, che intenda operare con gestione diretta o tramite  società partecipata locale, sono ammessi tutti i costi.

Le spese nei Paesi  di proiezione possono essere relative esclusivamente ad attività promozionali e possono coprire i viaggi del personale operante in via esclusiva nel Paese di destinazione.

Nell’ambito delle spese  promozionali, le spese per la partecipazione a fiere/mostre a carattere internazionale, le spese relative ad incoming di buyer in Italia, le spese per il deposito di marchi o per altre forme di tutela del made in Italy e le spese per siti internet, possono essere sostenute in area UE, purchè risultino collegate alla realizzazione del programma presentato.

Le spese devono essere sostenute nel periodo di realizzazione del programma  che decorre  dalla data di presentazione della domanda di finanziamento e termina massimo 24 mesi dopo la stipula del contratto di finanziamento . Una spesa si considera sostenuta alla datain cui avviene l’effettivo pagamento.

E’ consentita una compensazione tra gli importi delle singole voci di voci della scheda programma fino ad un massimo del 30%, fermo restando l’ammontare totale del programma . Una percentuale superiore dovrà essere autorizzata dal Comitato.

L’impresa può richiedere motivate variazioni del programma entro 3 mesi dalla scadenza del periodo di realizzazione dello stesso . La richiesta è sottoposta al Comitato per approvazione. Le relative spese devono essere sostenute successivamente alla data di arrivo della richiesta di variazione. Eventuali eccezioni saranno valutate dal Comitato.

 

PAESI AMMESSI :  Ciascuna domanda di finanziamento deve riguardare un programma  che deve essere realizzato in un solo Paese di destinazione e massimo due  Paesi di proiezione situati nella stessa area geografica, dove sostenere esclusivamente spese promozionali. Fermi restando i suddetti limiti, l’impresa può presentare più domande di finanziamento.

 

IMPORTO DEL FINANZIAMENTO:  Il finanziamento è deliberato dal Comitato in base ai risultati dell’istruttoria nel rispetto dei seguenti limiti massimi                                                                         –  100% dell’importo delle spese indicate nella  “scheda programma”, con il limite di 2.500.000,00 di euro                                                                                                                                                –  25% dei ricavi medi risultanti negli ultimi tre bilanci approvati; comunque l’esposizione complessiva dell’impresa verso il Fondo 394/81 non può superare il  35% dei ricavi degli ultimi tre esercizi  – limite posto dall’applicazione del Regolamento UE “de minimis”.

 

CONDIZIONI DEL FINANZIAMENTO :  Il periodo di utilizzo del finanziamento, nel quale sono effettuate  le erogazioni, decorre dalla data di stipula del contratto di finanziamento e termina tre mesi dopo il termine di realizzazione del programma;

Il tasso di interesse  agevolato è pari al 10% del tasso di riferimento di cui alla normativa comunitaria vigente alla data della delibera di concessione del finanziamento; il  tasso di interesse  del finanziamento non può essere in ogni caso inferiore allo 0%.

La durata del  finanziamento è di 6 anni , di cui 2 di preammortamento e 4 di ammortamento, a partire dalla data di stipula del contratto. La durata del finanziamento può essere ridotta  su richiesta dell’impresa  da indicare nella domanda. Il rimborso del capitale avviene in rate semestrali posticipate costanti.

Il Comitato può accordare una riduzione  delle garanzie da prestare fino ad un massimo dell’80% sulla base di  criteri di valutazione prefissati, deliberati dal Comitato stesso:                                 – per le PMI, l’importo da garantire potrà variare tra il 20% e il 100%  del finanziamento a valere sul Fondo 394/81                                                                                                                                   – per le imprese di media capitalizzazione, per tali intendendosi imprese con un numero di dipendenti compreso tra 250 e 3000 l’importo da garantire potrà variare tra il 205 E IL 1005 del finanziamento a valere sul Fondo 394/81

In caso di parziale intervento delle risorse del fondo per la crescita sostenibile la relativa quota non dovrà essere coperta da garanzia.

Per garantire il rimborso del capitale, dei relativi interessi e degli altri oneri accessori, i beneficiari possono prestare, a fronte dei singoli importi da erogare, una o più delle seguenti garanzie  già deliberate dal Comitato :                                                                                                                                                                                                                                                                               –  fideiussione bancaria, fideiussione assicurativa, conformi allo schema pubblicato sul sito internet della SIMEST                                                                                                                                   –  fideiussione di confidi, fideiussione di intermediari finanziari convenzionati con SIMEST

Il Comitato può deliberare eventuali altre garanzie  (quali ad esempio “cash collateral”) e controgaranzie

Gli interessi di mora sono xcalcolati al tasso di riferimento vigente alla data della delibera di concessione  del finanziamento maggiorato di 2 punti.

 

ISTRUTTORIA E CONTRATTO DI FINANZIAMENTO:  La SIMEST seguendo l’ordine cronologico di ricezione delle domande, effettuate sulla base dell’analisi  del programma  in relazione alla  consistenza patrimoniale, finanziaria ed organizzativa dell’impresa, con particolare attenzione alle risorse finanziarie aziendali utili a garantire il rimborso del finanziamento; i relativi criteri sono previsti dakl sistema di valutazione approvato con delibera del Comitato, che può individuare “bonus” specifici.

L’impresa è tenuta a far pervenire alla SIMEST la documentazione necessaria per la stipula del contratto di finanziamento entro un mese dalla data di ricezione della comunicazione della delibera di concessione del Comitato. Il contratto di finanziamento è stipulato  entro  2 mesi dalla ricezione della comunicazione della delibera di concessione del Comitato.

Trascorsi inutilmente tali termini, l’operazione è sottoposta al Comitato per l’evntuale revoca.

 

EROGAZIONE:  La SIMEST eroga il finanziamento concesso secondo le seguenti modalità

  • – la prima erogazione per un importo minimo del 10% del finanziamento, deve essere richiesta entro tre mesi dalla data di stipula del contratto accompagnata da una dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante ai sensi del DPR n. 445/2000, completa della distinta delle spese già sostenute (pagate) e/o da sostenere a partire dalla data di presentazione della domanda di finanziamento fino ad un massimo di 6 mesi dalla data di stipula del contratto. La SIMEST, riscontrata la corrispondenza  con le vocidi spesa del programma approvato , procede all’erogazione del finanziamento previo rilascio delle garanzie deliberata dal Comitato                                                                                                                                                                                                             –  complessivamente la prima erogazione e le successive, salvo l’ultima a saldo, non devono superare il 70% del finanziamento                                                                                                             –  la SIMEST effettuerà l’erogazione a saldo delle somma eccedente, una volta acquisite le garanzie approvate dal Comitato
  • La domanda di finanziamento, firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa, può essere inviata alla SIMEST direttamente attraverso il portale SIMEST o tramite PEC. In alternativa, la domanda firmata dal legale rappresentante dell’impresa , può essere inviata con i mezzi tradizionali.
  • La SIMEST registra la domanda e comunica all’impresa la data di ricezione ed il numero di riferimento attribuito all’operazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi