Interconnessione beni strumentali 4.0: Sì all’interconnessione “tardiva” purché possiedano caratteristiche 4.0 dall’entrata in funzione

RAMSES GROUP NEWS n.188 – 10 giugno 2021

Con la risposta all’interpello n. 394 dell’8 giugno, l’Agenzia delle entrate, su parere tecnico reso dal Mise, ha approfondito il tema dell’interconnessione dei beni strumentali 4.0 in uno o più periodi d’imposta successivi a quello di effettuazione dell’investimento ed entrata in funzione, operando un rilevante distinguo in base alle motivazioni da cui l’interconnessione “tardiva” può dipendere.

Il requisito di interconnessione, da sempre cruciale per l’ammissibilità alle agevolazioni previste per i beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale secondo il paradigma 4.0, dipende:

  • sia da caratteristiche intrinseche del bene ovvero da una predisposizione allo scambio bidirezionale di dati;
  • sia dalle caratteristiche del sistema informativo del beneficiario dell’agevolazione.

L’interconnessione può essere legittimamente realizzata dall’impresa anche in un momento successivo all’effettuazione dell’investimento e all’entrata in funzione del bene, comportando lo slittamento temporale del momento di decorrenza della fruizione, in misura rafforzata, del beneficio, come previsto sin dalle origini dell’iper ammortamento nella circolare Ade 4/E/2017.

Una costante di tutte le discipline agevolative per investimenti 4.0 susseguitesi negli anni, dall’iper ammortamento introdotto per l’anno 2017 dalla L. 232/2016 (c.d. Legge di Bilancio 2017) e ss.mm.ii., al credito d’imposta per investimenti in beni strumentali ex articolo 1, commi 184–197, L. 160/2019 (c.d. Legge di Bilancio 2020), fino alla disciplina innovata dell’articolo 1, commi 1051-1063 e 1065, L. 178/2020 (c.d. Legge di Bilancio 2021), consiste nella facoltà di fruizione anticipata, in misura ridotta, dell’agevolazione a partire dall’anno di entrata in funzione del bene.

Ciò premesso risulta fondamentale operare un distinguo sulle motivazioni dell’interconnessione “tardiva”, che può dipendere:

  • dalla necessità di adeguamento ex post delle caratteristiche tecniche del bene, tramite modifiche o integrazioni che lo rendano, successivamente alla sua entrata in funzione, in grado di soddisfare tutti i requisiti richiesti dalla disciplina agevolativa;
  • dalla necessità di adottare o adeguare i sistemi informatici ai quali il bene dovrà interconnettersi.

Nel primo caso è da escludersi, secondo il Mise, l’ammissibilità ai benefici 4.0 dell’investimento originariamente effettuato, in ragione del fatto che “le richiamate 5-2/3 caratteristiche tecnologiche devono caratterizzare i beni nella loro configurazione di beni “nuovi”, nel senso che le caratteristiche che il paradigma 4.0 “richiede” ai beni medesimi devono essere presenti prima del loro utilizzo nel processo di produzione (o messa in funzione)”.

Al contrario lo slittamento temporale dell’interconnessione in un anno successivo all’entrata in funzione del bene può essere ragionevolmente dovuto alla necessità di acquisire o di adeguare l’infrastruttura informatica necessaria all’interconnessione: in tal caso è salva l’ammissibilità dell’intero investimento.

Un discorso diverso deve essere fatto per quanto concerne i dispositivi e software, embedded o stand alone, oggetto di successivo investimento per realizzare l’interconnessione “tardiva”.

A prescindere dalle motivazioni dell’interconnessione successiva all’entrata in funzione, che incidono sull’ammissibilità dell’investimento originario, i costi di tali strumentazioni aggiuntive possono essere oggetto di autonoma applicazione dei benefici 4.0, in particolare:

  • in quanto inquadrabili, per la componente materiale comprensiva dell’eventuale software embedded, nell’allegato A, gruppo secondo, “Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità” annesso alla L. 232/2016;
  • in quanto inquadrabili, per la componente materiale comprensiva dell’eventuale software embedded, nell’allegato A tra i “dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione e/o l’interconnessione e il controllo automatico dei processi utilizzati anche nell’ammodernamento o nel revamping dei sistemi di produzione esistenti”, purché assicurino che la macchina o l’impianto oggetto di ammodernamento rispettino necessariamente le 5+2/3 caratteristiche tecnologiche di beni del primo gruppo dell’Allegato A annesso alla L. 232/2016;
  • in quanto inquadrabili, se trattasi di software stand alone, nell’allegato B annesso alla L. 232/2016.

Infine il mantenimento del diritto all’agevolazione dipende dal soddisfacimento di tutte le caratteristiche tecnologiche e di interconnessione dei beni per l’intera durata dell’incentivo, in quanto la trasformazione tecnologica e digitale secondo il paradigma 4.0 comporta che l’impresa operi effettivamente e costantemente in base a tali modalità.

In chiusura all’interpello in esame il Mise ha precisato che l’impresa beneficiaria sarà tenuta a documentare la permanenza dei requisiti tecnici e di interconnessione per l’intero periodo di fruizione del beneficio tramite “un’adeguata e sistematica reportistica”. A completamento di queste precisazioni si rammenta che, con la risposta all’interpello dell’Ade n. 956-1660/2018, il Mise aveva rassicurato il contribuente istante circa la temporanea carenza di interconnessione dovuta alle particolari condizioni di utilizzo del bene: marginali e periodiche assenze di interconnessione, dovute alle peculiari modalità di impiego, non dovrebbero pregiudicare la spettanza dell’agevolazione.

Fonte Euroconference


Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni

 Compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile

RAMSES GROUP Scheda informativa

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.
In accordo con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR) dichiaro di conoscere il diritto di cancellazione, integrazione, aggiornamento e rettifica dei miei dati. Autorizzo RAMSES GROUP srl al trattamento dei miei dati personali per iscrizione alla mailing list (Newsletter), creazione di elenchi telefonici e di gestione dati ed informazioni. Sono a conoscenza che: - i miei dati personali non sono condivisi con terzi, vengono custoditi in modo sicuro e utilizzati esclusivamente a fini non commerciali e per le finalità sopra riportate; - la Newsletter RAMSES GROUP informa sulle novità nel campo della Finanza agevolata, (Finanziamenti a fondo perduto, Bandi, Finanza Straordinaria, Miglioramento del Rating, ecc.); - il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento comporterà l’impossibilità di ricevere la Newsletter; - il Titolare del trattamento è: RAMSES GROUP srl con sede in Via Giovanni Parini n. 21 a Pescara; - il Responsabile del trattamento è RAMSES GROUP srl. Mi competono tutti i diritti previsti dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR): in particolare, per chiedere di cancellare la mia iscrizione dalla mailing-list della Newsletter è sufficiente inviare una e-mail a redazione@ramsesgroup.it indicando nell’oggetto “Cancellatemi”. Preso atto di quanto sopra, il contraente presta consenso al trattamento dei dati.

RAMSES GROUP

Specializzati in Finanza Agevolata e in Contributi a fondo perduto

Conoscenza. Competenza. Esperienza.

Per accedere alla Finanza Agevolata

con la conoscenza delle opportunità offerte dal sistema normativo 

con la competenza che porta a risultati certi

con l’esperienza, l’affidabilità e determinazione dei nostri professionisti

PER INFORMAZIONI SCRIVI A  info@ramsesgroup.it

CONTATTACI AI NUMERI T 085 9493758 – 085 9495867


RAMSES GROUP Finanza e Progetti

IL TUO CONSULENTE SU MISURA PER ACCEDERE AI FINANZIAMENTI 

Pagamento esclusivamente “Success Fee”


RAMSES GROUP

Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore LegaleIscritto sezione A del M.E.F.
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore LegaleIscritta sezione A del M.E.F.
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it  Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi