INCENTIVI PER LA DIGITAL TRANSFORMATION

Finanza agevolata

Incentivi a progetti di innovazione digitale

Sarà un decreto del Ministero dello Sviluppo economico a stabilire i criteri, le condizioni e le modalità per la concessione delle agevolazioni, che copriranno fino al 50% dei costi per la realizzazione dei progetti di trasformazione tecnologica e digitale proposti da micro, piccole e medie imprese.

La legge n. 58-2019 di conversione del decreto Crescita, intanto, stabilisce che i progetti dovranno presentare un importo di spesa di almeno 50mila euro ed essere diretti all’implementazione:

  • delle tecnologie abilitanti individuate nel Piano Impresa 4.0 (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics),
  • delle tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori, al software,
  • delle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio,
  • delle altre tecnologie quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.

Chi può richiedere i contributi

Alle agevolazioni saranno ammesse le imprese attive in via prevalente nel settore manifatturiero e/o dei servizi diretti alle imprese manifatturiere.

In via sperimentale per gli anni 2019-2020 potranno richiedere i contributi anche le imprese attive nel settore turistico se impegnate nella digitalizzazione della fruizione dei beni culturali, anche in un’ottica di maggiore accessibilità e in favore di soggetti disabili.

Le imprese devono inoltre:

  • risultare iscritte e attive nel Registro delle imprese,
  • avere almeno due bilanci depositati,
  • avere conseguito nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a 100mila euro,
  • non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.

Ammessa la presentazione di progetti congiunti, in numero non superiore a dieci imprese, mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione, compresi il consorzio e l’accordo di partenariato in cui figuri come soggetto promotore capofila un DIH-digital innovation hub o un EDI-ecosistema digitale per l’innovazione, di cui al Piano nazionale Impresa 4.0.

Fonte www.fasi.biz/it


FINALITÀ

La presente Misura costituisce un ampliamento ed un’intensificazione del progetto Impresa 4.0, con cui si vuole favorire la trasformazione tecnologica digitale dei processi produttivi delle MPMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole Medie Imprese con le seguenti caratteristiche:

  • iscritte nel registro delle imprese;
  • attive;
  • abbiano due bilanci approvati depositati;
  • operanti nel settore manifatturiero o in quello dei servizi alla manifattura e nel settore turistico per le imprese impegnate nella digitalizzazione della fruizione dei beni culturali;
  • nell’ultimo bilancio, approvato e depositato, l’importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni sia pari ad € 100.000,00.

INTERVENTI

L’intervento deve riguardare la realizzazione di un progetto strutturato di trasformazione tecnologica digitale che verta sull’implementazione, nei processi aziendali, delle tecnologie abilitanti individuate dal Piano Impresa 4.0.

Il progetto deve avere un importo pari ad almeno € 50.000,00.

I beneficiari, in numero non superiore a dieci imprese, possono presentare anche congiuntamente tra loro progetti realizzati mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione, compresi il consorzio e l’accordo di partenariato in cui figuri come soggetto promotore capofila un DIH-digital innovation hub o un EDI ecosistema digitale per l’innovazione.

In tali progetti l’importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari ad € 100.000,00, contenuto nell’ultimo bilancio approvato e depositato, può essere conseguito mediante la somma dei ricavi delle vendite e delle prestazioni realizzati da tutti i soggetti proponenti nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento a fondo perduto nella misura massima del 50% delle spese ammissibili.

Il decreto attuativo, che sarà emanato entro 90 giorni dalla pubblicazione del Decreto Crescita, distinguerà l’agevolazione in un contributo in conto impianti ed in un finanziamento agevolato.

TERMINE In attesa di pubblicazione del decreto attuativo

Fonte www.vconsulting.it


Digital transformation

È confermata, con numerose modifiche,  la nuova agevolazione “digital transformation”, per favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle Pmi secondo il paradigma 4.0.

Nel corso dell’esame in sede referente è stato specificato che i progetti di trasformazione tecnologica e digitale delle Pmi debbano essere coerenti con le linee strategiche del Piano triennale per l’informatica nella pubblica amministrazione 2019-2021 e che il decreto attuativo del Mise debba essere adottato sentita l’Agenzia per l’Italia digitale.

Oltre al sostegno alla realizzazione di progetti di trasformazione tecnologica e digitale diretti all’implementazione delle tecnologie abilitanti 4.0, l’incentivo spetta con riferimento alle seguenti soluzioni tecnologiche digitali:

  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori,
  • software,
  • piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio,
  • altre tecnologie quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange, EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.

L’importo di spesa minima, originariamente fissato in euro 200.000, è ridotto a euro 50.000.

Sono stati inoltre apportati ampliamenti all’ambito applicativo soggettivo. Tra i potenziali beneficiari, in via sperimentale per gli anni 2019 e 2020, rientrano le imprese del settore turistico impegnate nella digitalizzazione della fruizione dei beni culturali, anche al fine di una maggiore accessibilità per i soggetti disabili.

Inoltre è stato modificato il limite di accesso dei ricavi delle vendite e delle prestazioni conseguiti nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato ad un importo pari almeno a euro 100.000 (anziché euro 500.000).

Infine è stata inserita la possibilità di presentazione congiunta di un progetto R&S da un numero massimo di 10 imprese, mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione, compresi il consorzio e l’accordo di partenariato in cui figuri come soggetto promotore capofila un DIH-digital innovation hub o un EDI-ecosistema digitale per l’innovazione

Fonte www.ecnews.it


RAMSES GROUP

Azienda leader nel campo della Finanza Agevolata
è l’interlocutore privilegiato nei rapporti con 
Banche, Enti ed Istituzioni

Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore Legale
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore Legale
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi