CREDITO D’IMPOSTA R&S Novità 2019


Le imprese che effettuano investimenti in ricerca e sviluppo hanno la possibilità – per gli anni 2015, 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020 – di ottenere un’agevolazione fiscale, sotto forma di credito d’imposta.

Il bonus è riconosciuto a tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni aziendali, dalla forma giuridica, dal settore di attività e dal
regime contabile adottato.

L’agevolazione consiste in un credito di imposta compensabile con altri tributi con le seguenti percentuali:


Credito di imposta del 50%
• Personale interno con rapporto di lavoro subordinato impiegato in attività di ricerca e sviluppo

• Contratti di ricerca stipulati con Università, Organismi di Ricerca ed organismi equiparati, comprese le start up e le PMI innovative

Inizia a scrivere o digita / per scegliere un blocco

Credito di imposta del 25 % (aliquota reintrodotta dal 2019)
• Personale interno con rapporto di lavoro autonomo o comunque diverso dal subordinato (dal 2019)

• Compensi amministratori qualificati per la quota parte relativa all’attività di ricerca e sviluppo (dal 2019)

• Contratti di ricerca stipulati con altre imprese (dal 2019)

• Competenze tecniche e privative industriali acquisite da fonti esterne (dal 2019) • Quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzazione di strumenti ed attrezzature di laboratorio (dal 2019)

• costi sostenuti per l’acquisto di materiali, forniture e altri prodotti analoghi direttamente impiegati nelle attività di ricerca e sviluppo, anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota relativi alle fasi della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale (dal 2019)


Credito di imposta del 100% fino a 5.000 euro delle spese di certificazione dei costi di ricerca e sviluppo

Il meccanismo di calcolo del credito d’imposta è di tipo incrementale: spetta sulle spese sostenute in ciascun periodo di imposta agevolato in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei 3 periodi imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015 (quindi, con riferimento ad una media “fissa” relativa al 2012, 2013 e 2014 per i “solari”), ovvero dalla costituzione se questa è avvenuta da meno di tre anni.

Il credito d’imposta spetta fino a un importo massimo annuale di 10 milioni per ciascun beneficiario ed è riconosciuto a condizione che la spesa complessiva per investimenti in ricerca e sviluppo effettuata in ciascun periodo d’imposta in relazione al quale si intende fruire dell’agevolazione ammonti almeno a 30.000 euro.

L’agevolazione ha carattere automatico: per ottenerla non occorre un’autorizzazione, ma è sufficiente indicarla nella dichiarazione dei redditi.

Il bonus è utilizzabile esclusivamente in compensazione con modello F24 dal periodo d’imposta successivo a quello in cui i costi sono stati sostenuti.

Per Info: Ramsesgroup Via Parini n. 21 – Pescara – tel. 085.9493758

Dott. Alfredo Castiglione  335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi