CONTRATTI DI SVILUPPO: Modifiche Regolamento GBER e Temporary framework – Stretta sui requisiti d’accesso

1. Contratti di sviluppo: aggiornamenti al DM 9 dicembre 2014

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy è intervenuto sulla disciplina dei contratti di sviluppo modificando il DM del 9 dicembre 2014 secondo l’aggiornamento del Regolamento GBER e applicando le disposizioni del nuovo Quadro temporaneo di crisi e transizione per gli aiuti di Stato ai programmi di sviluppo industriale e per la tutela ambientale coerenti con gli obiettivi di decarbonizzazione e transizione green.


LINK DM del 14 settembre 2023


2. Contratti di sviluppo, stretta sui requisiti d’accesso

In caso di progetti congiunti ammessa la partecipazione di massimo cinque imprese

Per il turismo la soglia minima di spese ammissibili sale da 5 a 7,5 milioni

Sui contratti di sviluppo saranno ammesse al massimo cinque imprese in caso di progetti congiunti, mentre le imprese turistiche che fanno da capofila devono presentare progetti per almeno 7,5 milioni. Invitalia deve valutare anche la fattibilità tecnica dei progetti e gli aspetti occupazionali connessi alla realizzazione del programma di sviluppo, con particolare riguardo a progetti che prevedono la creazione di esuberi. Viene modificata anche la definizione di attività di ricerca industriale agevolabile, stessa sorte per l’innovazione dell’organizzazione e per l’innovazione di processo ammissibile. Le modifiche sono apportate con un decreto del Mimit datato 14 settembre 2023 e in corso di pubblicazione.

Le novità sull’accesso

Basta aggregazioni “infinite” di imprese per arrivare alla soglia minima ammissibile di 7,5 o 20 milioni, a seconda del settore di intervento. D’ora in poi il numero massimo di imprese che può partecipare ai contratti di sviluppo diventa cinque. Nel turismo, il proponente deve inoltre presentare un progetto di almeno 7,5 milioni (prima il limite era di cinque). Le variazioni relative all’ammontare delle spese sostenute, nonché l’importo rendicontato per specifiche categorie di spesa, non devono essere preventivamente comunicate a Invitalia e sono valutate in fase di erogazione del contributo. Questo contrariamente a quanto avviene in casi di operazioni societarie straordinarie come fusioni, cessioni o scissioni.

Più elementi da valutare

Invitalia dovrà valutare, oltre alla solidità economica e finanziaria delle imprese, anche la fattibilità tecnica dei progetti con analisi parametriche ed esaminare gli aspetti occupazionali legati alla realizzazione del programma di sviluppo.

La valutazione dovrà essere effettuata per i progetti che prevedono solo la salvaguardia, totale o parziale, dell’occupazione esistente. In questi casi, l’esame deve accertare, partendo dalle informazioni rese dall’impresa nella documentazione progettuale, le motivazioni sottese alle previsioni effettuate. Per i progetti che prevedono solo la salvaguardia parziale con notevoli effetti negativi in valore assoluto o in rapporto alla base organica esistente, Invitalia deve valutare la sussistenza di una correlazione con piani industriali o di ristrutturazione aziendale improrogabili e non connessi a logiche delocalizzative. Deve accertarsi sia prevista una concertazione tra le parti sulla gestione degli esuberi.

Innovazione e R&S

La ricerca industriale ammissibile è quella volta ad acquisire nuove conoscenze e capacità, da usare per sviluppare prodotti, processi, servizi o migliorare quelli esistenti. Il decreto specifica che sono inclusi prodotti, processi o servizi digitali, in qualsiasi tecnologia, industria o settore.

I progetti possono comprendere la creazione di componenti di sistemi complessi e includere la costruzione di prototipi in laboratorio o in un ambiente con interfacce di simulazione verso sistemi esistenti e la realizzazione di linee pilota. L’innovazione dell’organizzazione ammissibile è quella volta a mettere a punto un nuovo metodo organizzativo a livello dell’impresa nell’organizzazione del luogo di lavoro o nelle relazioni esterne, ad esempio con tecnologie digitali innovative. Non sono compresi i cambiamenti basati su metodi organizzativi già usati e cambiamenti nella strategia di gestione, fusioni e acquisizioni.

L’innovazione di processo ammissibile è quella volta all’applicazione di un metodo di produzione o distribuzione nuovo o migliorato con tecnologie o soluzioni digitali innovative. Esclusi da questa definizione cambiamenti o miglioramenti minori, aumento delle capacità di produzione o servizio ottenuto con l’aggiunta di sistemi di fabbricazione o logistici simili a quelli in uso, cessazione dell’utilizzo di un processo, sostituzione o estensione di beni strumentali, cambiamenti derivanti solo da variazioni del prezzo dei fattori, produzione personalizzata, adattamento ai mercati locali, modifiche periodiche o stagionali e altri cambiamenti ciclici nonché commercio di prodotti nuovi o migliorati.


LINK DM del 14 settembre 2023


Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile

RAMSES GROUP Scheda informativa

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.
In accordo con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR) dichiaro di conoscere il diritto di cancellazione, integrazione, aggiornamento e rettifica dei miei dati. Autorizzo RAMSES GROUP srl al trattamento dei miei dati personali per iscrizione alla mailing list (Newsletter), creazione di elenchi telefonici e di gestione dati ed informazioni. Sono a conoscenza che: – i miei dati personali non sono condivisi con terzi, vengono custoditi in modo sicuro e utilizzati esclusivamente a fini non commerciali e per le finalità sopra riportate; – la Newsletter RAMSES GROUP informa sulle novità nel campo della Finanza agevolata, (Finanziamenti a fondo perduto, Bandi, Finanza Straordinaria, Miglioramento del Rating, ecc.); – il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento comporterà l’impossibilità di ricevere la Newsletter; – il Titolare del trattamento è: RAMSES GROUP srl con sede in Via Giovanni Parini n. 21 a Pescara; – il Responsabile del trattamento è RAMSES GROUP srl. Mi competono tutti i diritti previsti dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR): in particolare, per chiedere di cancellare la mia iscrizione dalla mailing-list della Newsletter è sufficiente inviare una e-mail a redazione@ramsesgroup.it indicando nell’oggetto “Cancellatemi”. Preso atto di quanto sopra, il contraente presta consenso al trattamento dei dati.

RAMSES GROUP


Specializzati in Finanza Agevolata e in Contributi a fondo perduto

Per accedere alla Finanza Agevolata

con la conoscenza delle opportunità offerte dal sistema normativo 

con la competenza che porta a risultati certi

con l’esperienza, l’affidabilità e determinazione dei nostri professionisti

PER INFORMAZIONI SCRIVI A  info@ramsesgroup.it

CONTATTACI AI NUMERI T 085 9493758 – 085 9495867


Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore LegaleIscritto sezione A del M.E.F.
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore LegaleIscritta sezione A M.E.F.
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it  Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi