Bonus del 30% per PMI che partecipano a fiere internazionali

Contributi ai Consorzi export

RAMSES GROUP NEWS n.6 6 agosto 2019 L’agevolazione spetta per fiere che si svolgono sia in Italia che all’estero

L’art. 49 del DL 34/2019 convertito (c.d. “crescita”) ha introdotto un credito d’imposta per le PMI che partecipano a fiere internazionali, al fine di migliorarne il livello e la qualità di internazionalizzazione. In sede di conversione in legge del citato decreto, l’agevolazione è stata estesa anche alle fiere che si svolgono in Italia, oltre che a quelle all’estero inizialmente previste.
L’agevolazione spetta alle imprese (PMI) esistenti alla data del 1° gennaio 2019 ed è riconosciuta per il 2019 (periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore del DL crescita.

Si definisce:

– “microimpresa” un’impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro;
– “piccola impresa” un’impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro;
– “media impresa” un’impresa che occupa meno di 250 persone e realizza un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro.

Oggetto dell’agevolazione 

Il credito d’imposta è riconosciuto per le spese di partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali di settore che si svolgono in Italia o all’estero, relativamente alle spese per: l’affitto degli spazi espositivi; l’allestimento dei medesimi spazi; le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione.

Il credito d’imposta è pari al 30% delle suddette spese, fino a un massimo di 60.000 euro.

Tale credito è riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo, pari a 5 milioni per l’anno 2020, e nel rispetto del regime “de minimis” . Con riferimento alla modalità di fruizione dell’agevolazione, il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante modello F24.

L’art. 49 dispone che con apposito DM saranno stabilite le disposizioni attuative dell’agevolazione.

Stando a quanto anticipato dalla norma agevolativa sul contenuto di tale decreto attuativo, al fine di accedere al credito d’imposta in esame occorrerà presentare apposita istanza e, ai fini del riconoscimento dell’agevolazione, rileverà l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Viene infatti precisato che il DM definirà:
– le tipologie di spese ammesse al beneficio, tra quelle summenzionate;
– le procedure per l’ammissione al beneficio, che avviene secondo l’ordine cronologico di presentazione delle relative domande, nel rispetto dei limiti previsti;
– l’elenco delle manifestazioni fieristiche internazionali di settore, che si svolgono in Italia o all’estero, per cui è ammesso il credito di imposta;
– le procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo dei crediti d’imposta, secondo quanto stabilito dall’art 1, comma 6 del DL 40/2010 convertito.

RAMSES GROUP

Azienda leader nel campo della Finanza Agevolata
è l’interlocutore privilegiato nei rapporti con 
Banche, Enti ed Istituzioni

Per info e approfondimenti:

Dott. Alfredo Castiglione
Tributarista – Revisore Legale
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo
Commercialista – Revisore Legale

Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com
  
RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21 
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi