AGRICOLTURA: Bando Donne in campo

RAMSES GROUP NEWS n. 109 – 23 Settembre 2020 

Come presentare domanda per i mutui a tasso zero

Aperto il canale ISMEA per l’accesso ai mutui a tasso zero della misura “Donne in campo”.

Le domande di agevolazione possono essere presentate da micro, piccole e medie imprese agricole femminili, in forma singola o associata, per progetti finalizzati al miglioramento del rendimento e della sostenibilità dell’azienda, e/o al miglioramento delle condizioni agronomiche e ambientali, di igiene e benessere degli animali e/o per la realizzazione e il miglioramento di infrastrutture connesse allo sviluppo e alla modernizzazione dell’agricoltura.

I mutui saranno concessi per un importo non superiore al 95% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 300.000 euro.

Come si presenta la domanda

Lo sblocco dell’agevolazione, introdotta dalla legge di Bilancio 2020 (dell’art. 1, comma 504, l. n. 162/2020) e disciplinata con decreto 9 luglio 2020 del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Gazzetta Ufficiale n. 212 del 26 agosto 2020), è avvenuto con la pubblicazione da parte dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA) nel proprio sito (www.ismea.it) delle istruzioni applicative che fissano il termine iniziale e le modalità di presentazione delle domande.

Per il 2020, a disposizione un plafond di 15 milioni di euro.

Requisiti di ammissibilità delle imprese

Le domande di agevolazione possono essere presentate dalle micro, piccole e medie imprese in qualsiasi forma costituite, attive nella produzione agricola primaria, nella trasformazione di prodotti agricoli e nella commercializzazione di prodotti agricoli:

– amministrate e condotte da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto come risultante dall’iscrizione nella gestione previdenziale agricola;

– o, nel caso di società, composte, per oltre la metà numerica dei soci e delle quote di partecipazione, ed amministrate, da donne in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto come risultante dall’iscrizione nella gestione previdenziale. La maggioranza numerica dei soci e delle quote di partecipazione, se non presente al momento della presentazione della domanda, deve sussistere alla data di ammissione alle agevolazioni.

Ai fini dell’ammissibilità, alla data di presentazione della domanda, le imprese richiedenti devono essere regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese ed avere sede operativa nel territorio nazionale.

Devono inoltre essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali né rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea.

Escluse le imprese in difficoltà, come definite dall’articolo 2, punto (14), del Regolamento (UE) n. 702/2014.

Cosa viene finanziato

Le domande possono riferirsi a progetti per lo sviluppo o il consolidamento di aziende agricole, attraverso investimenti nel settore della produzione agricola primaria e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.In particolare, gli investimenti devono perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi:

– miglioramento del rendimento e della sostenibilità globale dell’azienda agricola, in particolare mediante una riduzione dei costi di produzione o miglioramento e riconversione della produzione;

– miglioramento delle condizioni agronomiche e ambientali, di igiene e benessere degli animali, purché non si tratti di investimento realizzato per conformarsi alle norme dell’Unione Europea;

– realizzazione e miglioramento delle infrastrutture connesse allo sviluppo, all’adeguamento ed alla modernizzazione dell’agricoltura.

I progetti dovranno concludersi entro il termine previsto dal contratto di mutuo agevolato, ovvero in 12 o 24 mesi decorrenti dalla data di ammissione alle agevolazioni.

Spese ammissibili

Ampia la gamma delle spese ammissibili. Nel dettaglio, sono agevolabili le spese relative a:

– studio di fattibilità, comprensivo dell’analisi di mercato, fino ad un massimo del 2% del valore complessivo dell’investimento da realizzare. La somma delle spese relative allo studio di fattibilità e di quelle relative ai servizi di progettazione è ammissibile complessivamente entro il limite del 12% dell’investimento da realizzare;

– opere agronomiche e di miglioramento fondiario;

– opere edilizie per la costruzione o il miglioramento di beni immobili;

– oneri per il rilascio della concessione edilizia;

– allacciamenti, impianti, macchinari e attrezzature;

– servizi di progettazione;- beni pluriennali (es. piante pluriennali);

– acquisto terreni. Per gli investimenti relativi al settore della produzione agricola primaria e della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli, l’acquisto di terreni è ammissibile solo in misura non superiore al 10% dei costi ammissibili totali dell’intervento;- formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario funzionali e commisurati alla realizzazione del progetto.

Escluse le spese riferite ad acquisiti o lavori effettuati prima della data di ammissione alle agevolazioni.

Agevolazioni

Le agevolazioni consistono in mutui a tasso zero, di importo non superiore al 95% delle spese ammissibili e, comunque, fino ad un massimo di 300.000 euro.

Il mutuo, rimborsabile in rate costanti e posticipate, ha una durata minima di 5 anni e massima di 15 anni (comprensiva del periodo di preammortamento).

Alle imprese beneficiarie è richiesto un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, pari almeno il 20% delle spese di investimento ammissibili e comunque fino a concorrenza degli importi necessari alla copertura del fabbisogno finanziario generato dal piano di investimenti, aumentato dell’IVA sugli acquisti oggetto dell’investimento.

Altro obbligo è fornire garanzie sui beni immobili il cui valore di mercato sia pari al 120% del mutuo agevolato concesso, tramite ipoteca di primo grado sui beni oggetto del finanziamento (o su altri beni del soggetto beneficiario o di terzi) oppure, in alternativa o in aggiunta, fideiussione bancaria o assicurativa a prima richiesta.

Il mutuo agevolato sarà erogato in un’unica soluzione al momento della sottoscrizione del contratto (stipulato presso un notaio indicato da ISMEA), all’esito del consolidamento della garanzia ipotecaria.

Come presentare domanda

Le domande di agevolazione devono essere presentate all’ISMEA, esclusivamente on line attraverso il portale dedicato, previa registrazione (per la quale è necessario disporre di un indirizzo PEC).

La fase di compilazione della domanda si conclude con il caricamento, in formato PDF, di tutti i documenti richiesti.Con l’inserimento dei dati obbligatori e il caricamento degli allegati richiesti, il sistema consente di convalidare la domanda e genera un codice progetto (CP), che identificherà il progetto per l’intera durata.

La convalida della domanda sul portale rappresenta il termine di presentazione della domanda.Le domande saranno esaminate da ISMEA secondo l’ordine cronologico di presentazione.

Al termine dell’istruttoria, l’Istituto disporrà l’ammissione o l’esclusione dell’impresa richiedente.

La misura in pillole

Soggetti ammessiMicro, piccole e medie imprese agricole condotte e amministrate da donne, in forma singola o associata.
Progetti finanziabiliProgetti per lo sviluppo o il consolidamento dell’impresa, attraverso investimenti nel settore della produzione agricola primaria e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.
Durata progettiLa realizzazione del progetto deve essere completata e rendicontata entro il termine previsto dal contratto di mutuo agevolato, ovvero in 12 o 24 mesi decorrenti dalla data di ammissione alle agevolazioni.
AgevolazioneMutui a tasso zero, fino a 300.000 euro, a copertura del 95% delle spese ammissibili e della durata compresa fra 5 e 15 anni.
Plafond disponibile15 milioni di euro.

FONTE IPSOA


RAMSES GROUP

Specializzati in Finanza Agevolata e in Contributi a fondo perduto

Conoscenza. Competenza. Esperienza.

Per accedere alla finanza agevolata, 

con la conoscenza delle opportunità offerte dal sistema normativo 

con la competenza che porta a risultati certi

con l’esperienza, l’affidabilità e determinazione dei nostri professionisti

PER INFORMAZIONI SCRIVI A  info@ramsesgroup.it

CONTATTACI AI NUMERI T 085 9493758 – 085 9495867


RAMSES GROUP

Finanza e Progetti

IL TUO CONSULENTE SU MISURA PER ACCEDERE AI FINANZIAMENTI 

E’ A DISPOSIZIONE PER L’ESPLETAMENTO DELLE PRATICHE PREVISTE

 con il suo TEAM ed i suoi ESPERTI  in innovazione aziendale, welfare e incentivi fiscali e finanziari è al fianco di qualsiasi tipo d’impresa in un percorso di crescita personalizzato. Da sempre Ramses Group finalizza i suoi  progetti alla sostenibilità aziendale e a valorizzare  le capacità e le competenze interne, le innovazioni relative a ciascun settore di attività e gli strumenti finanziari utilizzabili e realizzabili sulle singole realtà.

SEGUIAMO LA PREFATTIBILITA’ GRATUITA 

che consiste nell’analizzare il possesso da parte dell’azienda dei principali requisiti.

PROGETTIAMO, PREPARIAMO ed INOLTRIAMO

 la modulistica prevista.

ASSISTIAMO l’azienda 

in tutti i passaggi formali  previsti e necessari, la cui condizione  necessaria e imprescindibile per il successo dell’operazione.

SUPPORTIAMO l’azienda 

nella fase di rendicontazione e controllo ex post.

RESTIAMO AL FIANCO dell’azienda 

per qualsiasi controllo ex post.

Pagamento esclusivamente

“Success Fee”


PER INFORMAZIONI SCRIVI A  info@ramsesgroup.it

CONTATTACI

AI NUMERI T 085 9493758 – 085 9495867


RAMSES GROUP

Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore Legale
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore Legale
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it  Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.<br>Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.<br> Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi