RIAPERTURA SPORTELLO SIMEST 2021 FINO AL 31 MAGGIO 2022: APPROFITTA per avere finanziamenti agevolati e fondo perduto in investimenti digitali – fiere internazionali – e-commerce

RAMSES GROUP NEWS n. 249 – 6 dicembre 2021

RIAPERTURA SPORTELLO SIMEST 2021

FINO AL 31 MAGGIO 2022

APPROFITTA! PUOI FINANZIARE

con FONDO PERDUTO 40% per le REGIONI (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) 

con FONDO PERDUTO DEL 25% PER LE ALTRE REGIONI

e con FINANZIAMENTO AGEVOLATO 

  • l’integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
  • la realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
  • partecipazione a fiere e mostre
  • e-commerce

E MOLTO ALTRO GRAZIE ALLA RIAPERTURA dello SPORTELLO SIMEST 2021 FINO AL 31 MAGGIO 2022

Aggiornamento sportello Simest 02/12/2021: il Comitato Agevolazioni per l’amministrazione del Fondo 394/81 e del Fondo 295/73 ha disposto che il termine per la presentazione delle domande relative alle 3 linee di finanziamento (a valere sui fondi del PNRR), inizialmente fissato al 3 dicembre 2021, è prorogato alle ore 18.00 del 31 maggio 2022, salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi.

Le imprese avranno tempo fino al 31 maggio 2022 per inoltrare la propria domanda d’accesso al Fondo 394 per l’internazionalizzazione, gestito da Simest in convenzione con il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci). La proroga è stata deliberata dal comitato agevolazioni, l’organo chiamato ad approvare le operazioni presentate da Simest in relazione agli strumenti di finanza agevolata e composto da rappresentanti del Maeci (a presiederlo è Lorenzo Angeloni direttore generale per la Promozione del Sistema Paese alla Farnesina) e dei ministeri dell’Economia e dello Sviluppo Economico, oltre che delle Regioni.

L’allungamento della deadline, inizialmente fissata per il prossimo 3 dicembre, è collegata alla proroga del Temporary Framework e consentirà di accedere alle risorse ancora a disposizione pari a circa 360 milioni salvo esaurimento anticipato.

Le 3 nuove linee di intervento finanziate da Simest

Sarà possibile presentare una sola domanda per uno dei seguenti strumenti finanziati con le risorse del PNRR:

  • Transizione digitale ed ecologica delle PMI con vocazione internazionale
  • Partecipazione di PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema
  • Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (e-commerce)

 Nello specifico le caratteristiche dei 3 strumenti sono:

SIMEST: Transizione Ecologia e Digitale

BENEFICIARI

PMI costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

La PMI deve avere un Fatturato Estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato;

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: 300.000 euro e non superiore al 25% dei ricavi medi degli ultimi due esercizi chiusi

Durata del finanziamento: 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

Il finanziamento è erogato in due tranche:

1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.

2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le spese ammissibili.

SPESE AMMISSIBILI

Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
  • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager) o disaster recovery e business continuity
  • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc)
  • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc)
  • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852.

Non sono ammissibili/finanziabili le spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione. Sono altresì escluse le spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie ( es. le spese riferite al personale del Richiedente).

Ai fini dell’ammissibilità all’Intervento, le Spese ammissibili devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 24 mesi dalla Data di Stipula.

SIMEST: Fiere internazionali

BENEFICIARI

PMI (anche Reti Soggetto) che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo.

L’azienda deve, come risultante dalla “Dichiarazione sulla produzione e il marchio italiano” di cui al Paragrafo Allegati della presente Circolare, (i) avere un fatturato (voce A1 del conto economico) rappresentato – per una quota almeno pari al 50% – dalla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera, oppure (ii) commercializzare – per una quota almeno pari al 50% – prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero;

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: fino a € 150.000 entro il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato dall’impresa.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Erogazione in due tranche:

 1° tranche: pari al 50% dell’Intervento, a titolo di anticipo, sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive

2° tranche: a saldo dell’importo delle Spese Ammissibili rendicontate e documentabili

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:

  • fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar)
  • spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
  • spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti;
  • spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital maketing manager);
  • spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network);
  • servizi di traduzione ed interpretariato online;

Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese per area espositiva

  • Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
  • arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);
  • attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti informatici, videocamere);
  • servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello stand);
  • utenze varie;
  • servizio di pulizia dello stand;
  • costi di assicurazione;
  • compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;
  • servizi di traduzione ed interpretariato offline.

b) Spese logistiche

  • Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario;
  • movimentazione dei macchinari/prodotti.

c) Spese promozionali

  • Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
  • spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);
  • realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico).
  • spese di certificazione dei prodotti

 d) Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra

  • Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video).

N.B. Nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo del 30% minimo di cui sopra non si applica.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 12 mesi dalla Data di Stipula.

SIMEST: Incentivi e-commerce

BENEFICIARI

PMI costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile:

Per una piattaforma propria: fino a € 300.000

Per una piattaforma di terzi: fino a € 200.000

Importo minimo pari a € 10.000

L’importo massimo finanziabile non può superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Erogazione in due tranche:

1° tranche: pari al 50% dell’Intervento, a titolo di anticipo, sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive

2° tranche: a saldo dell’importo delle Spese Ammissibili rendicontate e documentabili

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

a) Creazione e sviluppo di una Piattaforma propria oppure dell’utilizzo di un market place

  • creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma
  • componenti hardware e software
  • estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP, CRM, AI e realtà aumentata)
  • creazione e configurazione app
  • spese di avvio dell’utilizzo di un market place.

b) Investimenti per la Piattaforma propria oppure per il market place

  • spese di hosting del dominio della piattaforma
  • fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place
  • spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma
  • aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche
  • spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma
  • spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione
  • consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma
  • registrazione, omologazione e tutela del marchio
  • spese per certificazioni internazionali di prodotto.

c) Spese promozionali e formazione relative al progetto

  • spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place
  • spese per web marketing o spese per comunicazione
  • formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda, ed entro 12 mesi dalla Data di Stipula.


1. Transizione digitale ed ecologica delle PMI con vocazione internazionale

Finanziamento agevolato, dedicato alle PMI costituite in forma di società di capitali, con un fatturato export di almeno il 10% nell’ultimo anno o del 20% nell’ultimo biennio. Le risorse ottenute dovranno essere destinate per una quota almeno pari al 50% a investimenti per la transizione digitale e per la restante quota a investimenti per la transizione ecologica e la competitività internazionale. Lo strumento ha una durata di 6 anni, con 2 di pre-ammortamento, e un importo massimo finanziabile di 300.000 euro che non può comunque superare il 25% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati

2. Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema

Finanziamento agevolato per la partecipazione di PMI a un singolo evento di carattere internazionaleanche virtuale, tra: fiera, mostra, missione imprenditoriale e missione di sistema, per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia. Almeno il 30% del finanziamento deve essere destinato a spese digitali connesse all’evento, a meno che l’evento stesso non sia a tema digital o ecologico. L’importo massimo del finanziamento è pari a 150.000 euro e non può comunque superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati. Il periodo di rimborso è di 4 anni, con 1 anno di pre-ammortamento.

3. Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (e-Commerce)

Finanziamento agevolato, dedicato alle PMI costituite in forma di società di capitali, per la creazione o il miglioramento di una piattaforma propria di e-commerce o l’accesso a una piattaforma di terzi (market-place) per la commercializzazione di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano. L’importo finanziabile va da 10.000 euro fino a un massimo di 300.000 euro per una piattaforma propria e fino a un massimo di 200.000 euro per market place, senza comunque superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati. La durata del finanziamento è di 4 anni con 1 anno di pre-ammortamento.

Presentazione di una sola domanda da parte delle PMI

Le risorse del Fondo sono destinate esclusivamente alle imprese di piccola e media dimensione (PMI), per questo sono state fissate quote minime di spesa per ciascuna tipologia di investimento.

Inoltre, per consentire a più aziende di partecipare agli interventi agevolativi, ogni impresa potrà presentare una sola domanda di finanziamento. Sarà pertanto necessario scegliere se presentare domanda per la linea dedicata alla partecipazione a fiere o sviluppo dell’e-commerce oppure interventi per la transizione digitale ed ecologica.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti su ciascuna linea di intervento dopo la pubblicazione delle circolari.

Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni

 Compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile

RAMSES GROUP Scheda informativa

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.
In accordo con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR) dichiaro di conoscere il diritto di cancellazione, integrazione, aggiornamento e rettifica dei miei dati. Autorizzo RAMSES GROUP srl al trattamento dei miei dati personali per iscrizione alla mailing list (Newsletter), creazione di elenchi telefonici e di gestione dati ed informazioni. Sono a conoscenza che: - i miei dati personali non sono condivisi con terzi, vengono custoditi in modo sicuro e utilizzati esclusivamente a fini non commerciali e per le finalità sopra riportate; - la Newsletter RAMSES GROUP informa sulle novità nel campo della Finanza agevolata, (Finanziamenti a fondo perduto, Bandi, Finanza Straordinaria, Miglioramento del Rating, ecc.); - il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento comporterà l’impossibilità di ricevere la Newsletter; - il Titolare del trattamento è: RAMSES GROUP srl con sede in Via Giovanni Parini n. 21 a Pescara; - il Responsabile del trattamento è RAMSES GROUP srl. Mi competono tutti i diritti previsti dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR): in particolare, per chiedere di cancellare la mia iscrizione dalla mailing-list della Newsletter è sufficiente inviare una e-mail a redazione@ramsesgroup.it indicando nell’oggetto “Cancellatemi”. Preso atto di quanto sopra, il contraente presta consenso al trattamento dei dati.

ARCHIVIO

FINO AL 3 DICEMBRE ANCORA APERTO LO SPORTELLO SIMEST: APPROFITTA PER AVERE FINANZIAMENTI AGEVOLATI E FONDO PERDUTO IN INVESTIMENTI DIGITALI – FIERE INTERNAZIONALI – E-COMMERCE

RAMSES GROUP NEWS n. 241 – 17 novembre 2021

PNRR: fino al 3 dicembre, domande per finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto delle PMI orientate all’Export e all’internazionalizzazione.

Operativo il portale SIMEST dedicato agli incentivi erogati nell’ambito del Fondo 394/81, attraverso il quale le aziende italiane orientate ai mercati esteri possono richiedere un finanziamento agevolato a valere sulle risorse del PNRR – Next Generation EU, inoltrando domanda entro il 3 dicembre 2021.
Per tutte le misure previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, le aziende potranno chiedere una quota di finanziamento a fondo perduto fino al 25% (nel limite di agevolazioni concesse in regime di Temporary Framework, per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021), che sale al 40% per imprese localizzate nel Mezzogiorno (sede operativa da almeno 6 mesi). Alle PMI del Sud, tra l’altro, il PNRR riserva una quota pari al 40% delle risorse totali (Riserva Sud).

Nel complesso, il plafond di risorse è pari a 800 milioni in finanziamenti a tasso agevolato e 400 milioni in contributi a fondo perduto. Si può presentare una sola domanda (dal portale www.myareasacesimest.it) per uno degli strumenti finanziati con le risorse del PNRR. Sono infatti previste tre tipologie di finanziamenti, dedicate esclusivamente alle PMI:

  • Transizione digitale ed ecologica
  • Sviluppo del commercio elettronico
  • Partecipazione a fiere e mostre

Le imprese potranno richiedere i finanziamenti fino al 3 dicembre 2021, salvo esaurimento anticipato delle risorse. La domanda si inoltra a SIMEST tramite il Portale dedicato, acquisendo priorità nell’accesso al Fondo.

APPROFITTA PER OTTENERE FINANZIAMENTI AGEVOLATI E FONDO PERDUTO

Strumenti disponibili:

1. INCENTIVI TRANSIZIONE ECOLOGICA E DIGITALE

BENEFICIARI

PMI costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

La PMI deve avere un Fatturato Estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: 300.000 euro e non superiore al 25% dei ricavi medi degli ultimi due esercizi chiusi

Durata del finanziamento: 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

Il finanziamento è erogato in due tranche:

1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.

2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le spese ammissibili.

CHI PUO’ ACCEDERE

Tale linea di intervento è riservata alle PMI con sede legale in Italia, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno 2 bilanci relativi a due esercizi completi (si considera completo un esercizio di 12 mesi interi, indipendentemente dalla data di costituzione o di inizio attività della società stessa. I bilanci devono riguardare lo stesso soggetto richiedente, identificato dal codice fiscale). Ai fini dell’ammissibilità, l’impresa deve avere un fatturato estero pari al 10% del fatturato dell’ultimo anno o pari al 20% del fatturato dell’ultimo biennio risultante dalle dichiarazioni IVA (righi VE30 e VE34 rapportati al VE50).Verranno agevolati investimenti digitali e investimenti volti a promuovere la sostenibilità e la competitività sui mercati internazionali. 


Saranno ammissibili:

1) spese per la transizione digitale 
(minimo il 50% delle spese totali ammissibili finanziate): integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali; realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale; investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali; consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager); disaster recovery e business continuità; blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali); spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

SCHEDA

Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
  • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager) o disaster recovery e business continuity
  • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine)


2) spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione 

(massimo il 50% delle Spese totali ammissibili finanziate): spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc.); spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri come ufficio/negozio/corner/showroom/centro di assistenza post vendita, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc.); spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento.


SCHEDA

  • Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate:
  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc)
  • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc)
  • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852.

Non sono ammissibili/finanziabili le spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione. Sono altresì escluse le spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie ( es. le spese riferite al personale del Richiedente).

Ai fini dell’ammissibilità all’Intervento, le Spese ammissibili devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 24 mesi dalla Data di Stipula.

SCADENZA

Bando ad esaurimento delle risorse.

Le agevolazioni sono concesse nel limite di agevolazioni pubbliche complessive in regime di Temporary Framework (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea).
Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

 

Circolere SIMEST Transizione ecologica e digitale

Circolare operativa

Fonte RETE  AGEVOLAZIONI

2. INCENTIVI E-COMMERCE

BENEFICIARI

PMI costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile:

Per una piattaforma propria: fino a € 300.000

Per una piattaforma di terzi: fino a € 200.000

Importo minimo pari a € 10.000

L’importo massimo finanziabile non può superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Erogazione in due tranche:

1° tranche: pari al 50% dell’Intervento, a titolo di anticipo, sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive

2° tranche: a saldo dell’importo delle Spese Ammissibili rendicontate e documentabili.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

a) Creazione e sviluppo di una Piattaforma propria oppure dell’utilizzo di un market place

  • creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma
  • componenti hardware e software
  • estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP, CRM, AI e realtà aumentata)
  • creazione e configurazione app
  • spese di avvio dell’utilizzo di un market place.

b) Investimenti per la Piattaforma propria oppure per il market place

  • spese di hosting del dominio della piattaforma
  • fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place
  • spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma
  • aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche
  • spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma
  • spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione
  • consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma
  • registrazione, omologazione e tutela del marchio
  • spese per certificazioni internazionali di prodotto.

c) Spese promozionali e formazione relative al progetto

  • spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place
  • spese per web marketing o spese per comunicazione
  • formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda, ed entro 12 mesi dalla Data di Stipula.

SCADENZA

Bando ad esaurimento delle risorse.

Le agevolazioni sono concesse nel limite di agevolazioni pubbliche complessive in regime di Temporary Framework (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea).
Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

 

Circolere SIMEST fiere internazionali

Circolare operativa

Fonte RETE AGEVOLAZIONI 

3. INCENTIVI PER
FIERE INTERNAZIONALI

BENEFICIARI

PMI (anche Reti Soggetto) che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo.

L’azienda deve, come risultante dalla “Dichiarazione sulla produzione e il marchio italiano” di cui al Paragrafo Allegati della presente Circolare, (i) avere un fatturato (voce A1 del conto economico) rappresentato – per una quota almeno pari al 50% – dalla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera, oppure (ii) commercializzare – per una quota almeno pari al 50% – prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: fino a € 150.000 entro il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato dall’impresa.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Erogazione in due tranche:

 1° tranche: pari al 50% dell’Intervento, a titolo di anticipo, sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive

2° tranche: a saldo dell’importo delle Spese Ammissibili rendicontate e documentabili.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:

  • fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar)
  • spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
  • spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti;
  • spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital maketing manager);
  • spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network);
  • servizi di traduzione ed interpretariato online;

Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese per area espositiva

  • Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
  • arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);
  • attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti informatici, videocamere);
  • servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello stand);
  • utenze varie;
  • servizio di pulizia dello stand;
  • costi di assicurazione;
  • compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;
  • servizi di traduzione ed interpretariato offline.

b) Spese logistiche

  • Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario;
  • movimentazione dei macchinari/prodotti.

c) Spese promozionali

  • Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
  • spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);
  • realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico).
  • spese di certificazione dei prodotti

 d) Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra

  • Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video).

N.B. Nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo del 30% minimo di cui sopra non si applica.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 12 mesi dalla Data di Stipula.

SCADENZA

Bando ad esaurimento delle risorse.

Le agevolazioni sono concesse nel limite di agevolazioni pubbliche complessive in regime di Temporary Framework (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea).
Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

Circolere SIMEST fiere internazionali

Circolare operativa

Fonte RETE AGEVOLAZIONI

Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni

 Compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile

RAMSES GROUP Scheda informativa

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.
In accordo con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR) dichiaro di conoscere il diritto di cancellazione, integrazione, aggiornamento e rettifica dei miei dati. Autorizzo RAMSES GROUP srl al trattamento dei miei dati personali per iscrizione alla mailing list (Newsletter), creazione di elenchi telefonici e di gestione dati ed informazioni. Sono a conoscenza che: - i miei dati personali non sono condivisi con terzi, vengono custoditi in modo sicuro e utilizzati esclusivamente a fini non commerciali e per le finalità sopra riportate; - la Newsletter RAMSES GROUP informa sulle novità nel campo della Finanza agevolata, (Finanziamenti a fondo perduto, Bandi, Finanza Straordinaria, Miglioramento del Rating, ecc.); - il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento comporterà l’impossibilità di ricevere la Newsletter; - il Titolare del trattamento è: RAMSES GROUP srl con sede in Via Giovanni Parini n. 21 a Pescara; - il Responsabile del trattamento è RAMSES GROUP srl. Mi competono tutti i diritti previsti dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR): in particolare, per chiedere di cancellare la mia iscrizione dalla mailing-list della Newsletter è sufficiente inviare una e-mail a redazione@ramsesgroup.it indicando nell’oggetto “Cancellatemi”. Preso atto di quanto sopra, il contraente presta consenso al trattamento dei dati.

APPROFONDIMENTI:
SIMEST NUOVI INCENTIVI per TRANSIZIONE DIGITALE ED ECOLOGICA – FIERE INTERNAZIONALI – E-COMMERCE

RAMSES GROUP NEWS n. 224 – 8 ottobre 2021

NUOVI INCENTIVI PER LA TRANSIZIONE DIGITALE ED ECOLOGICA

Il bando è destinato alle PMI esportatrici

AGEVOLAZIONE

  • Fondo perduto del 25% (40% per le imprese del Sud)
  • Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: 300.000 euro

SPESE AMMISSIBILI

Spese per la Transizione Digitale (almeno il 50%)

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
  • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager) o disaster recovery e business continuity
  • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione (non più del 50%):

  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc)
  • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc)
  • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento

Apertura sportello: 21/10/2021

BENEFICIARI

PMI costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

La PMI deve avere un Fatturato Estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato;

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: 300.000 euro e non superiore al 25% dei ricavi medi degli ultimi due esercizi chiusi

Durata del finanziamento: 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

Il finanziamento è erogato in due tranche:

1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.

2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le

SPESE AMMISSIBILI

Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali
  • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager) o disaster recovery e business continuity
  • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc)
  • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc)
  • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852.

Non sono ammissibili/finanziabili le spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione. Sono altresì escluse le spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie ( es. le spese riferite al personale del Richiedente).

Ai fini dell’ammissibilità all’Intervento, le Spese ammissibili devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 24 mesi dalla Data di Stipula.

SCADENZA

Pre-apertura dello sportello telematico: 21/10/2021

Apertura sportello: 28/10/2021

LINK Circolare operativa

PIU’ IN DETTAGLIO

Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI esportatrici

Le PMI esportatrici potranno accedere a un finanziamento agevolato e ad un contributo a fondo perduto destinato almeno per la metà dell’importo a investimenti per la transizione digitale e per la restante quota a investimenti per transizione ecologica e internazionalizzazione. Apertura sportello il 28 ottobre. Dal 21 ottobre si potrà caricare il modulo di domanda firmato digitalmente. Invio delle domande dal 28 ottobre.

L’intervento Transizione digitale ed ecologica delle PMI con vocazione internazionale ha la finalità di sostenere la realizzazione di investimenti:

  • digitali per una quota minima pari al 50%;
  • volti a promuovere la sostenibilità e la competitività sui mercati internazionali per il restante 50%.

Possono accedere sole PMI italiane, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi. Ai fini dell’ammissibilità il fatturato estero degli ultimi due esercizi rappresenti almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato dell’ultimo esercizio.

L’agevolazione è un finanziamento agevolato per il 75% della spese ammissibili al tasso del 0,055% annuo e un contributo a fondo perduto per il restante 25%. Se l’azienda ha almeno una sede operativa, da almeno 6 mesi, in una delle seguenti regioni: AbruzzoBasilicataCalabriaCampaniaMolisePugliaSardegna e Sicilia la quota del contributo a fondo perduto è elevata al 40%. Il contributo verrà erogato in due tranche: il 50% a titolo di anticipo e il 50% come saldo. Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

Sulla quota di finanziamento è possibile richiedere l’assenza di garanzie, e il finanziamento non è segnalato in Centrale Rischi. SIMEST ha la facoltà di richiedere comunque una garanzia sulla base della classe di scoring in cui l’azienda è inserita.

Il finanziamento ha una durata di 6 anni, con 2 di pre-ammortamento, e un importo massimo finanziabile di 300mila euro che non può comunque superare il 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

La fase di inoltro della domanda prevede due fasi:

  • Fase di pre-apertura:
    • A partire dalle ore 09:00 del 21 ottobre 2021 le imprese potranno caricare sul  PORTALE la pre-compilazione delle richieste, fino al caricamento del modulo di domanda firmato digitalmente, comprensivo di eventuale documentazione da allegare.
    • Per poter accedere al portale è necessario acquisire una posizione nella coda virtuale e, una volta ammessi all’interno del portale, si avrà a disposizione un periodo determinato di tempo per poter compilare la pratica, dopo di che l’utente verrà rimesso in coda. La fase di pre-compilazione si chiude alle ore 19:00 del 27 ottobre 2021.
    • Nella fase di pre-apertura, gli utenti ancora in coda alle ore 19:00 manterranno la posizione acquisita e potranno accedere a partire dalle ore 09:00 del del giorno successivo.
  • Fase di apertura:
    • Dalle ore 09:30 del 28 ottobre 2021 sarà possibile accedere al PORTALE  e inoltrare le domande precaricate. Ogni PMI potrà presentare una richiesta soltanto e nel caso in cui avesse già creato una bozza di richiesta di finanziamento, l’eventuale creazione di una nuova bozza sostituirà la precedente.

    • Per poter accedere al portale è necessario acquisire una posizione nella coda virtuale, con le stesse modalità indicate per l’accesso alla pre-apertura del portale. Da ricordare che questa operazione non può essere effettuata prima delle ore 9:30 del 28 ottobre.
    • Il portale resterà aperto dalle ore 09:00 alle ore 19:00, dal lunedì al venerdì, fino alle ore 18:00 del 3 dicembre 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse complessive disponibili.

FONTE ECONOMIA NEWS

SIMEST: NUOVI INCENTIVI per FIERE INTERNAZIONALI

BENEFICIARI

PMI (anche Reti Soggetto) che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo.

L’azienda deve, come risultante dalla “Dichiarazione sulla produzione e il marchio italiano” di cui al Paragrafo Allegati della presente Circolare, (i) avere un fatturato (voce A1 del conto economico) rappresentato – per una quota almeno pari al 50% – dalla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera, oppure (ii) commercializzare – per una quota almeno pari al 50% – prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero;

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile: fino a € 150.000 entro il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato dall’impresa.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Erogazione in due tranche:

 1° tranche: pari al 50% dell’Intervento, a titolo di anticipo, sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive

2° tranche: a saldo dell’importo delle Spese Ammissibili rendicontate e documentabili

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:

  • fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar)
  • spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
  • spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti;
  • spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital maketing manager);
  • spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network);
  • servizi di traduzione ed interpretariato online;

Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese per area espositiva

  • Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
  • arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);
  • attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti informatici, videocamere);
  • servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello stand);
  • utenze varie;
  • servizio di pulizia dello stand;
  • costi di assicurazione;
  • compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;
  • servizi di traduzione ed interpretariato offline.

b) Spese logistiche

  • Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario;
  • movimentazione dei macchinari/prodotti.

c) Spese promozionali

  • Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
  • spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);
  • realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico).
  • spese di certificazione dei prodotti

 d) Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra

  • Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video).

N.B. Nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo del 30% minimo di cui sopra non si applica.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda ed entro 12 mesi dalla Data di Stipula

SCADENZA

Pre-apertura dello sportello telematico: 21/10/2021

Apertura sportello: 28/10/2021

Bando ad esaurimento delle risorse: occorre presentare immediatamente la domanda all’apertura dello sportello

LINK Circolare operativa


PIU’ IN DETTAGLIO

Partecipazione a fiere e mostre: riapertura

L’intervento Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italiae missioni di sistema ha la finalità di sostenere la partecipazione a un singolo evento di carattere internazionale, anche virtuale tra: fiera, mostra, missione imprenditoriale e missione di sistema, per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia, attraverso l’erogazione di un finanziamento destinato per almeno il 30% a spese digitali connesse al progetto. Tale vincolo non si applica nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali.

Possono accedere sole PMI italiane, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativi a un esercizio completo. Ai fini dell’ammissibilità il 50% del fatturato deve essere derivante dalla produzione di beni e servizi in Italia, oppure commercializzare prodotti con il marchio Italiano, anche se prodotti all’estero.

L’agevolazione è un finanziamento agevolato per il 75% della spese ammissibili al tasso del 0,055% annuo e un contributo a fondo perduto per il restante 25%. Se l’azienda ha almeno una sede operativa, da almeno 6 mesi, in una delle seguenti regioni: AbruzzoBasilicataCalabriaCampaniaMolisePugliaSardegna e Sicilia la quota del contributo a fondo perduto è elevata al 40%. Il contributo verrà erogato in due tranche: il 50% a titolo di anticipo e il 50% come saldo. Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

Sulla quota di finanziamento è possibile richiedere l’assenza di garanzie, e il finanziamento non è segnalato in Centrale Rischi. SIMEST ha la facoltà di richiedere comunque una garanzia sulla base della classe di scoring in cui l’azienda è inserita.

Il finanziamento ha una durata di 4 anni, con 1 di pre-ammortamento, e un importo massimo finanziabile di 150mila euro che non può comunque superare il 15% dei ricavi medi risultati dall’ultimo bilancio approvato e depositato.

La fase di inoltro della domanda prevede due fasi:

  • Fase di pre-apertura:
    • A partire dalle ore 09:00 del 21 ottobre 2021 le imprese potranno caricare sul PORTALE  la pre-compilazione delle richieste, fino al caricamento del modulo di domanda firmato digitalmente, comprensivo di eventuale documentazione da allegare.
    • Per poter accedere al portale è necessario acquisire una posizione nella coda virtuale e, una volta ammessi all’interno del portale, si avrà a disposizione un periodo determinato di tempo per poter compilare la pratica, dopo di che l’utente verrà rimesso in coda. La fase di pre-compilazione si chiude alle ore 19:00 del 27 ottobre 2021.
    • Nella fase di pre-apertura, gli utenti ancora in coda alle ore 19:00 manterranno la posizione acquisita e potranno accedere a partire dalle ore 09:00 del del giorno successivo.
  • Fase di apertura:
    • Dalle ore 09:30 del 28 ottobre 2021 sarà possibile accedere al Portale e inoltrare le domande precaricate. Ogni PMI potrà presentare una richiesta soltanto e nel caso in cui avesse già creato una bozza di richiesta di finanziamento, l’eventuale creazione di una nuova bozza sostituirà la precedente.
    • Per poter accedere al portale è necessario acquisire una posizione nella coda virtuale, con le stesse modalità indicate per l’accesso alla pre-apertura del portale. Da ricordare che questa operazione non può essere effettuata prima delle ore 9:30 del 28 ottobre.
    • Il portale resterà aperto dalle ore 09:00 alle ore 19:00, dal lunedì al venerdì, fino alle ore 18:00 del 3 dicembre 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse complessive disponibili.

FONTE ECONOMIA NEWS

SIMEST: NUOVI INCENTIVI E-COMMERCE

BENEFICIARI

PMI costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto fino al 40% per le imprese del Sud

Contributo a fondo perduto fino al 25% per le altre imprese

Tasso agevolato attualmente pari allo 0,055% sulla rimanente quota

Importo massimo finanziabile:

Per una piattaforma propria: fino a € 300.000

Per una piattaforma di terzi: fino a € 200.000

Importo minimo pari a € 10.000

L’importo massimo finanziabile non può superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

Erogazione in due tranche:

1° tranche: pari al 50% dell’Intervento, a titolo di anticipo, sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive

2° tranche: a saldo dell’importo delle Spese Ammissibili rendicontate e documentabili

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

a) Creazione e sviluppo di una Piattaforma propria oppure dell’utilizzo di un market place

  • creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma
  • componenti hardware e software
  • estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP, CRM, AI e realtà aumentata)
  • creazione e configurazione app
  • spese di avvio dell’utilizzo di un market place.

b) Investimenti per la Piattaforma propria oppure per il market place

  • spese di hosting del dominio della piattaforma
  • fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place
  • spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma
  • aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche
  • spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma
  • spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione
  • consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma
  • registrazione, omologazione e tutela del marchio
  • spese per certificazioni internazionali di prodotto.

c) Spese promozionali e formazione relative al progetto

  • spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place
  • spese per web marketing o spese per comunicazione
  • formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

Le spese devono essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda, ed entro 12 mesi dalla Data di Stipula;

SCADENZA

Pre-apertura dello sportello telematico: 21/10/2021

Apertura sportello: 28/10/2021

Bando ad esaurimento delle risorse: occorre presentare immediatamente la domanda all’apertura dello sportello

LINK Circolare operativa


PIU’ IN DETTAGLIO

Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri: riapertura

L’intervento Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-commerce) ha la finalità di sostenere la realizzazione di un progetto di investimento digitale per la creazione o miglioramento di una piattaforma e-commerce di proprietà (dedicata) o l’accesso ad una piattaforma di terzi (market place) per la commercializzazione di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

Possono accedere sole PMI italiane, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi. Ai fini dell’ammissibilità il 50% del fatturato deve essere derivante dalla produzione di beni e servizi in Italia, oppure commercializzare prodotti con il marchio Italiano, anche se prodotti all’estero.

L’agevolazione è un finanziamento agevolato per il 75% della spese ammissibili al tasso del 0,055% annuo e un contributo a fondo perduto per il restante 25%. Se l’azienda ha almeno una sede operativa, da almeno 6 mesi, in una delle seguenti regioni: AbruzzoBasilicataCalabriaCampaniaMolisePugliaSardegna e Sicilia la quota del contributo a fondo perduto è elevata al 40%. Il contributo verrà erogato in due tranche: il 50% a titolo di anticipo e il 50% come saldo. Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

Sulla quota di finanziamento è possibile richiedere l’assenza di garanzie, e il finanziamento non è segnalato in Centrale Rischi. SIMEST ha la facoltà di richiedere comunque una garanzia sulla base della classe di scoring in cui l’azienda è inserita.

Il finanziamento ha una durata di 4 anni, con 1 di pre-ammortamento, e un importo massimo finanziabile di 300mila euro nel caso di realizzazione di una piattaforma e 200 mila euro per il market place. L’importo massimo non può comunque superare il 15% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

La fase di inoltro della domanda prevede due fasi:

  • Fase di pre-apertura:
    • A partire dalle ore 09:00 del 21 ottobre 2021 le imprese potranno caricare sul PORTALE la pre-compilazione delle richieste, fino al caricamento del modulo di domanda firmato digitalmente, comprensivo di eventuale documentazione da allegare.
    • Per poter accedere al portale è necessario acquisire una posizione nella coda virtuale e, una volta ammessi all’interno del portale, si avrà a disposizione un periodo determinato di tempo per poter compilare la pratica, dopo di che l’utente verrà rimesso in coda. La fase di pre-compilazione si chiude alle ore 19:00 del 27 ottobre 2021.
    • Nella fase di pre-apertura, gli utenti ancora in coda alle ore 19:00 manterranno la posizione acquisita e potranno accedere a partire dalle ore 09:00 del del giorno successivo.
  • Fase di apertura:
    • Dalle ore 09:30 del 28 ottobre 2021 sarà possibile accedere al PORTALE  e inoltrare le domande precaricate. Ogni PMI potrà presentare una richiesta soltanto e nel caso in cui avesse già creato una bozza di richiesta di finanziamento, l’eventuale creazione di una nuova bozza sostituirà la precedente.
    • Per poter accedere al portale è necessario acquisire una posizione nella coda virtuale, con le stesse modalità indicate per l’accesso alla pre-apertura del portale. Da ricordare che questa operazione non può essere effettuata prima delle ore 9:30 del 28 ottobre.
    • Il portale resterà aperto dalle ore 09:00 alle ore 19:00, dal lunedì al venerdì, fino alle ore 18:00 del 3 dicembre 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse complessive disponibili.

FONTE  ECONOMIA NEWS


Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni

 Compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile

RAMSES GROUP Scheda informativa

RAMSES GROUP Scheda informativa

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.
In accordo con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR) dichiaro di conoscere il diritto di cancellazione, integrazione, aggiornamento e rettifica dei miei dati. Autorizzo RAMSES GROUP srl al trattamento dei miei dati personali per iscrizione alla mailing list (Newsletter), creazione di elenchi telefonici e di gestione dati ed informazioni. Sono a conoscenza che: - i miei dati personali non sono condivisi con terzi, vengono custoditi in modo sicuro e utilizzati esclusivamente a fini non commerciali e per le finalità sopra riportate; - la Newsletter RAMSES GROUP informa sulle novità nel campo della Finanza agevolata, (Finanziamenti a fondo perduto, Bandi, Finanza Straordinaria, Miglioramento del Rating, ecc.); - il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento comporterà l’impossibilità di ricevere la Newsletter; - il Titolare del trattamento è: RAMSES GROUP srl con sede in Via Giovanni Parini n. 21 a Pescara; - il Responsabile del trattamento è RAMSES GROUP srl. Mi competono tutti i diritti previsti dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR): in particolare, per chiedere di cancellare la mia iscrizione dalla mailing-list della Newsletter è sufficiente inviare una e-mail a redazione@ramsesgroup.it indicando nell’oggetto “Cancellatemi”. Preso atto di quanto sopra, il contraente presta consenso al trattamento dei dati.

APPROFONDIMENTI SIMEST

Finanziamento a tasso agevolato e a fondo perduto per TRANSIZIONE DIGITALE ed ECOLOGICA delle PMI – Partecipazione di PMI a FIERE e mostre internazionali – Sviluppo commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri E-COMMERCE

Finanziamenti Agevolati a valere sulle risorse del PNRR – NextGenerationEU

RAMSES GROUP NEWS n. 222 – 5 ottobre 2021

1 Finanziamento a tasso agevolato e a fondo perduto per la TRANSIZIONE DIGITALE ed ECOLOGICA delle PMI con fatturato export di almeno il 10% nell’ultimo anno o del 20% nell’ultimo biennio

DESCRIZIONE COMPLETA DEL BANDO

SI TRATTA DI UN FINANZIAMENTO AGEVOLATO, DEDICATO ALLE PMI COSTITUITE IN FORMA DI SOCIETÀ DI CAPITALI, CON UN FATTURATO EXPORT DI ALMENO IL 10% NELL’ULTIMO ANNO O DEL 20% NELL’ULTIMO BIENNIO

LE RISORSE OTTENUTE DOVRANNO ESSERE DESTINATE PER UNA QUOTA ALMENO PARI AL 50% A INVESTIMENTI PER LA TRANSIZIONE DIGITALE E PER LA RESTANTE QUOTA A INVESTIMENTI PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E LA COMPETITIVITÀ INTERNAZIONALE.

LO STRUMENTO HA UNA DURATA DI 6 ANNI, CON 2 DI PRE-AMMORTAMENTO, E UN IMPORTO MASSIMO FINANZIABILE DI 300MILA EURO CHE NON PUÒ COMUNQUE SUPERARE IL 25% DEI RICAVI MEDI RISULTANTI DAGLI ULTIMI DUE BILANCI APPROVATI E DEPOSITATI.

Agevolazione: 

Contributo a fondo perduto, Finanziamento a tasso agevolato

Come funziona

E’ un finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework*”. Il suo obiettivo è sostenere gli investimenti volti a favorire la Transizione Digitale (almeno il 50% del totale del finanziamento) ed Ecologica delle PMI e promuoverne la competitività sui mercati esteri.

Importo massimo finanziabile: fino a € 300.000, ma comunque non superiore al 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa.

Quota massima a fondo perduto: fino al 40% per le PMI del Sud (i), fino al 25% per le restanti PMI. La quota di co-finanziamento a fondo perduto è concessa in ogni caso nei limiti dell’importo massimo complessivo di agevolazione in regime di Temporary Framework per impresa.

* nel limite di agevolazioni pubbliche complessive concesse in regime di Temporary Framework (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea). Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

(i) Imprese con almeno una sede operativa, da almeno 6 mesi, in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Soggetti beneficiari

Le risorse del Fondo sono destinate esclusivamente alle imprese di piccola e media dimensione (PMI).

Entità e forma dell’agevolazione

Sarà possibile per l’impresa richiedere un finanziamento a tasso agevolato (attualmente lo 0,055% annuo) con una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 25%, nel limite delle agevolazioni pubbliche complessive concesse in regime di temporary framework, e senza necessità di presentare garanzie. 

Scadenze

Il 28 ottobre alle ore 9:30 si aprirà il Portale operativo per la ricezione delle domande di finanziamento. Ma già dal 21 ottobre, le imprese potranno pre-caricare il modulo di domanda

Durata del finanziamento

6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

COSA FINANZIA

Spese ammissibili, rendicontazione e consolidamento

1 Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

1.1. integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali 

1.2. realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale 

1.3. investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali 

1.4. consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager) 

1.5. disaster recovery e business continuity 

1.6. blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali) 

1.7. spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

2 Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate: 

2.1. spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc.) 

2.2. spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali6 in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc.)

 2.3. spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852.

Sono comunque escluse dalle Spese Ammissibili le seguenti spese: 

– spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione; 

– spese per consulenze finalizzate alla presentazione della richiesta di Intervento; 

– spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie (con riferimento alle Spese per la Sostenibilità e l’internazionalizzazione); 

– spese relative ad attività correnti dell’Impresa Richiedente (quali a titolo esemplificativo le spese relative al personale dell’Impresa Richiedente o di soggetti riferibili all’Impresa Richiedente quali esponenti o soci dell’impresa Richiedente); – spese oggetto di altra agevolazione pubblica (c.d. doppio finanziamento); 

– spese connesse ad Attività e attivi e Settori esclusi; 

– spese non conformi ai requisiti della Circolare.

PNRR – FONDO 394/81 Circolare n. 1/PNRR/394/2021 Intervento: “Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale”

LEGGI LA Circolare operativa Circolare 01/PNRR/394/2021

Scheda Prodotto: 

Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale.

Finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU – PNRR-Misura 1, – Componente 2, – Investimento 5, Linea progettuale “Rifinanziamento e Ridefinizione del Fondo 394/81 gestito da SIMEST”

Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale

Finalità 

Finanziamento agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework” (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea) per la realizzazione di investimenti volti a favorire la Transizione Digitale (almeno il 50% del totale del finanziamento) ed Ecologica delle PMI e promuoverne la competitività sui mercati esteri.

Destinatario 

Il soggetto richiedente il finanziamento (il “Richiedente”) deve essere una PMI, secondo normativa comunitaria con sede legale in Italia costituita in forma di società di capitali e che abbia depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi e un fatturato estero1 la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato

Importo massimo del finanziamento

 Minore tra euro 300.000,00 e il 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente. L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci. 

Durata e modalità di rimborso del finanziamento 

6 anni di cui 2 anni di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso. 

Tasso d’interesse 

Tasso agevolato2 per tutta la Durata del finanziamento.

Richiesta finanziamento

Il Richiedente può effettuare una sola richiesta di finanziamento a SIMEST. Per richiedere il finanziamento, il Richiedente deve registrarsi sul Portale di SIMEST, compilare la domanda di finanziamento in ogni sua parte con sottoscrizione digitale da parte del legale rappresentante ed effettuare l’invio tramite il medesimo Portale. In fase di presentazione della Domanda, l’Impresa Richiedente deve prendere visione delle Condizioni Generali del Contratto e, in conformità con i requisiti previsti dal Contratto e dalla Domanda stessa per la Linea progettuale, dovrà, inter alia fornire dichiarazioni e impegni a garanzia (tramite dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà) in relazione a:

(i) Attività e attivi esclusi dal PNRR;

(ii) Settori esclusi dalla normativa “de minimis”;

(iii) Conformità dell’utilizzo del finanziamento al principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento Tassonomia;

(iv) Conformità alla normativa ambientale dell’UE e nazionali;

(v) Conformità dell’utilizzo del finanziamento all’assenza della fattispecie del c.d. doppio finanziamento (ossia il rispetto del divieto di copertura dei medesimi costi).

(vi) Normativa aiuti di stato.

 1 Per fatturato estero si intende il fatturato export come risultante dai righi VE30 e VE34 delle dichiarazioni IVA presentate all’Agenzia delle Entrate.

 2 Aggiornato mensilmente e reperibile al seguente link https://www.simest.it/approfondimenti/tasso-agevolato-simest. 

Il tasso applicato è quello vigente al momento della delibera.

Quota cofinanziamento a fondo perduto

 Il Richiedente può chiedere una quota di co-finanziamento a fondo perduto sulla richiesta di finanziamento (a valere sulla “Sezione Contributi”): 

(i) fino al 40% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente ha almeno una sede operativa in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia; (ii) fino al 25% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente non ha almeno una sede operativa in una delle Regioni di cui al punto (i).

Garanzie 

Il Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie. La quota di co-finanziamento a fondo perduto non è soggetta a garanzie.

Delibera della richiesta di finanziamento

 La concessione del finanziamento è deliberata dal Comitato Agevolazioni, sulla base delle risultanze istruttorie di SIMEST, e rimane comunque subordinata alla effettiva disponibilità, alla data della delibera, delle risorse finanziarie occorrenti e a tutte le altre condizioni che il Comitato Agevolazioni riterrà opportune in relazione all’istruttoria

Erogazione del finanziamento 

Il finanziamento è erogato in due tranche, sul conto corrente dedicato del Richiedente: 1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive. 2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili.

Spese ammissibili 

 Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

 — integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali 

— realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale o investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali 

— consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager) o disaster recovery e business continuity 

— blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali)

 — spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate: 

— spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc)

— spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali4 in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc) 

— spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852. 

Non sono ammissibili/finanziabili le spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione. Sono altresì escluse le spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie ( es. le spese riferite al personale del Richiedente).

Obblighi di rendicontazione delle spese ammissibili Tutte le Spese ammissibili, dovranno essere opportunamente documentate sulla base delle modalità previste nella Circolare 01/PNRR/394/2021 e in linea con le dichiarazioni e impegni a garanzia resi con la sottoscrizione del modulo di domanda.

FONTE SIMEST


Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni

 Compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile


2 Partecipazione delle PMI a FIERE E MOSTRE INTERNAZIONALI, anche in Italia, e missioni di sistema

(Finanziamento disponibile dal 28 ottobre 2021)

DESCRIZIONE COMPLETA DEL BANDO

Obiettivo SIMEST è rafforzare la competitività internazionale dell’impresa sostenendone le spese per la partecipazione a un evento promozionale di carattere internazionale, anche virtuale, come fiera, mostra, missione imprenditoriale e missione di sistema.

A chi è dedicato

Alle sole PMI italiane, che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo.

Come funziona

E’ un finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework*”. Il suo obiettivo è sostenere la partecipazione a un singolo evento di carattere internazionale, anche virtuale tra: fiera, mostra, missione imprenditoriale e missione di sistema, per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia, attraverso l’erogazione di un finanziamento destinato per almeno il 30% a spese digitali connesse al progetto. Tale vincolo non si applica nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali.

Importo massimo finanziabile: fino a € 150.000, ma comunque non superiore al 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato dall’impresa. 

Quota massima a fondo perduto: fino al 40% per le PMI del Sud (i), fino al 25% per le restanti PMI. La quota di co-finanziamento a fondo perduto è concessa in ogni caso nei limiti dell’importo massimo complessivo di agevolazione in regime di Temporary Framework per impresa.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

* nel limite di agevolazioni pubbliche complessive concesse in regime di Temporary Framework (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea). Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

(i) Imprese con almeno una sede operativa in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

LEGGI LA Circolare operativa SIMEST Circolare n. 3/PNRR/394/2021

Scheda Prodotto:

Partecipazione delle PMI a fiere e mostre
internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema


Finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU – PNRR-Misura 1, –
Componente 2, – Investimento 5, Linea progettuale “Rifinanziamento e
Ridefinizione del Fondo 394/81 gestito da SIMEST”

Intervento

Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia,
e missioni di sistema.

Normativa di riferimento

Circolare operativa n. 03/PNRR/394/2021.

Finalità

Finanziamento agevolato in regime “de minimis” (Regolamento UE n. 1407/2013) con
co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework”
(subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione
europea), per sostenere la partecipazione a un singolo evento di carattere
internazionale, anche virtuale tra: fiera, mostra, missione imprenditoriale e missione di
sistema, per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia,
attraverso
l’erogazione di un finanziamento destinato per almeno il 30% a spese digitali connesse
al progetto. Tale vincolo non si applica nel caso in cui l’evento internazionale riguardi
tematiche ecologiche o digitali.

Destinatario

Il soggetto richiedente il finanziamento (il “Richiedente”) deve essere una PMI
secondo normativa comunitaria con sede legale in Italia (anche “Rete Soggetto”) che
abbia depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio
completo.

Importo massimo del finanziamento

Minore tra euro 150.000,00 e il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato
e depositato del Richiedente.
L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà essere
superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

Durata e modalità di rimborso del finanziamento

4 anni di cui 1 anno di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata,
relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e
interessi durante il periodo di rimborso.

Tasso d’interesse

Tasso agevolato1 per tutta la Durata del finanziamento.

Richiesta di finanziamento

Il Richiedente può effettuare una sola richiesta di finanziamento a SIMEST. Per
richiedere il finanziamento, il Richiedente deve registrarsi sul Portale di SIMEST,
compilare la domanda di finanziamento in ogni sua parte, con sottoscrizione digitale
da parte del legale rappresentante ed effettuare l’invio tramite il medesimo Portale.

In fase di presentazione della Domanda, l’Impresa Richiedente deve prendere visione
delle Condizioni Generali del Contratto e, in conformità con i requisiti previsti dal
Contratto e dalla Domanda stessa per la Linea progettuale, dovrà, inter alia fornire
dichiarazioni e impegni a garanzia (tramite dichiarazione sostitutiva dell’atto di
notorietà) in relazione a:

(i) Attività e attivi esclusi dal PNRR;

(ii) Settori esclusi dalla normativa “de minimis”;

(iii) Conformità dell’utilizzo del finanziamento al principio “non
arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo
17 del Regolamento Tassonomia;

(iv) Conformità alla normativa ambientale dell’UE e
nazionali;

(v) Conformità dell’utilizzo del finanziamento all’assenza della fattispecie del
c.d. doppio finanziamento (ossia il rispetto del divieto di copertura dei medesimi costi);
(vi) Normativa aiuti di stato.

Quota cofinanziamento a fondo perduto

Il Richiedente può chiedere una quota di co-finanziamento a fondo perduto sulla
richiesta di finanziamento
(i) fino al 40% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente
ha almeno una sede operativa (costituita da almeno 6 mesi) in una delle seguenti
regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e
Sicilia;
(ii) fino al 25% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente
non ha almeno una sede operativa in una delle Regioni di cui al punto (i).

Garanzie

Il Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie. La
quota di co-finanziamento a fondo perduto non è soggetta a garanzie.

Delibera della richiesta di finanziamento

La concessione del finanziamento è deliberata dal Comitato Agevolazioni, sulla base
delle risultanze istruttorie di SIMEST, e rimane comunque subordinata alla effettiva
disponibilità, alla data della delibera, delle risorse finanziarie occorrenti e a tutte le altre
condizioni che il Comitato Agevolazioni riterrà opportune in relazione all’istruttoria.

Erogazione del finanziamento

Il finanziamento è erogato in due tranche, sul conto corrente dedicato del Richiedente:
1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30
giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.
2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che
SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste
superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili.

Spese ammissibili

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare
almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:
o fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per
l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione
dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar)
o spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
o spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e
integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su
piattaforme già esistenti;
o spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media
manager, digital maketing manager);
o spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale
della fiera/mostra, newsletter, social network);
o servizi di traduzione ed interpretariato online.

Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili
finanziate:
a) Spese per area espositiva

o Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti
fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri
perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
o arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine
espositive, cubi espositivi, porta brochure);
o attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e
supporti informatici, videocamere);

o servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese
elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello
stand);
o utenze varie;
o servizio di pulizia dello stand;
o costi di assicurazione;
o compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno
che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra
(compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo
della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa,
come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali
ulteriori compensi al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che
interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del
finanziamento concesso;
o servizi di traduzione ed interpretariato offline.
b) Spese logistiche
o Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il
trasporto di campionario;
o movimentazione dei macchinari/prodotti.
c) Spese promozionali
o Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B,
B2C;
o spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es.
pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della
fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata,
omaggistica);
o realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e
limitrofi al centro fieristico);
o spese di certificazione dei prodotti.
d) Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra
o Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi
fotografici/video).


Nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo
del 30% minimo di cui sopra non si applica. In ogni caso non sono
ammissibili/finanziabili le spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività
direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete
di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione.

Obblighi di rendicontazione delle spese ammissibili

Tutte le Spese ammissibili, dovranno essere opportunamente documentate sulla base
delle modalità previste nella Circolare 03/PNRR/394/2021 e in linea con le
dichiarazioni e impegni a garanzia resi con la sottoscrizione del modulo di domanda.

FONTE SIMEST


3 Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-COMMERCE)

(Finanziamento disponibile dal 28 ottobre 2021)

Obiettivo SIMEST è rafforzare la competitività internazionale dell’impresa sostenendo lo sviluppo dell’e-commerce

A chi è dedicato

Alle sole PMI italiane, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

Come funziona

Finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework*” destinato alla realizzazione di un progetto di investimento digitale per la creazione o milgioramento di una piattaforma e-commerce di proprietà (dedicata) o l’accesso ad una piattaforma di terzi (market place) per la commercializzazione di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

Importo massimo finanziabile: 

  • Per una piattaforma propria: fino a € 300.000 e comunque non superiore al 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa
  • Per una piattaforma di terzi: fino a € 200.000 e comunque non superiore al 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa

Importo minimo pari a € 10.000

Quota massima a fondo perduto: fino al 40% per le PMI del Sud (i), fino al 25% per le restanti PMI. La quota di co-finanziamento a fondo perduto è concessa in ogni caso nei limiti dell’importo massimo complessivo di agevolazione in regime di Temporary Framework per impresa.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

* nel limite di agevolazioni pubbliche complessive concesse in regime di Temporary Framework (subordinatamente alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea). Il cofinanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework è concedibile per le richieste deliberate fino al 31 dicembre 2021.

(i) Imprese con almeno una sede operativa in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

LEGGI LA Circolare operativa SIMEST Circolare n. 2/PNRR/394/2021

Scheda Prodotto:

Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-commerce)

Finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU – PNRR-Misura 1, –
Componente 2, – Investimento 5, Linea progettuale “Rifinanziamento e
Ridefinizione del Fondo 394/81 gestito da SIMEST”

Intervento Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-commerce)


Normativa di riferimento

Circolare n.02/PNRR/394/2021

Finalità

Finanziamento agevolato in regime “de minimis”, con co-finanziamento a fondo perduto
in regime di “Temporary Framework” (subordinatamente alla preventiva autorizzazione
da parte della Commissione europea) per:
(i) la creazione di una nuova piattaforma propria oppure
(ii) il miglioramento di una piattaforma propria già esistente; oppure
(iii) l’accesso ad un nuovo spazio/store di una piattaforma di terzi (i.e. market place),
per commercializzare in paesi esteri beni/servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

Destinatario

Il soggetto richiedente il finanziamento (il “Richiedente”) deve essere una PMI, secondo
normativa comunitaria con sede legale in Italia (anche “Rete Soggetto”) costituita in forma
di società di capitali e che abbia depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci
relativi a due esercizi completi.


Importo massimo del finanziamento


• Piattaforma propria /miglioramento: il minore tra euro 300 mila e il 15% dei ricavi medi
risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente.
• Piattaforma di terzi: il minore tra euro 200 mila e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli
ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente.
• Importo minimo pari a euro 10 mila.
L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà in ogni caso
essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.


Durata e modalità di rimborso del finanziamento


4 anni di cui 1 anno di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata,
relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e
interessi durante il periodo di rimborso.


Tasso d’interesse


Tasso agevolato1 per tutta la Durata del finanziamento.

Richiesta di finanziamento


Il Richiedente può effettuare una sola richiesta di finanziamento a SIMEST. Per richiedere
il finanziamento, il Richiedente deve registrarsi sul Portale di SIMEST, compilare la
domanda di finanziamento in ogni sua parte con sottoscrizione digitale da parte del legale
rappresentante ed effettuare l’invio tramite il medesimo Portale.
In fase di presentazione della Domanda, l’Impresa Richiedente deve prendere visione
delle Condizioni Generali del Contratto e, in conformità con i requisiti previsti dal Contratto
e dalla Domanda stessa per la Linea progettuale, dovrà, inter alia fornire dichiarazioni e
impegni a garanzia (tramite dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà) in relazione a:
(i) Attività e attivi esclusi dal PNRR;

(ii) Settori esclusi dalla normativa “de minimis”;

(iii)Conformità dell’utilizzo del finanziamento al principio “non arrecare un danno significativo”
(“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento Tassonomia;

(iv) Conformità alla normativa ambientale dell’UE e nazionali;

(v) Conformità dell’utilizzo
del finanziamento all’assenza della fattispecie del c.d. doppio finanziamento (ossia il
rispetto del divieto di copertura dei medesimi costi);

(vi) Normativa aiuti di stato.


Quota cofinanziamento a fondo perduto


Il Richiedente può chiedere una quota di co-finanziamento a fondo perduto sulla richiesta
di finanziamento:
(i) fino al 40% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente ha
almeno una sede operativa (costituita da almeno 6 mesi) in una delle seguenti regioni:
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
(ii) fino al 25% dell’importo complessivo del finanziamento richiesto, se il Richiedente
non ha almeno una sede operativa in una delle Regioni di cui al punto (i).


Garanzie

Il Richiedente può chiedere l’esenzione totale dalla prestazione delle garanzie. La quota
di co-finanziamento a fondo perduto non è soggetta a garanzie.


Delibera della richiesta di finanziamento

La concessione del finanziamento è deliberata dal Comitato Agevolazioni, sulla base
delle risultanze istruttorie di SIMEST, e rimane comunque subordinata alla effettiva
disponibilità, alla data della delibera, delle risorse finanziarie occorrenti e a tutte le altre
condizioni che il Comitato Agevolazioni riterrà opportune in relazione all’istruttoria.

Erogazione del finanziamento


Il finanziamento è erogato in due tranche, sul conto corrente dedicato del Richiedente:
1° tranche: pari al 50% del finanziamento, a titolo di anticipo sarà erogata entro 30 giorni
dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.
2° tranche: restante 50% nel limite delle spese riconosciute, sarà effettuata dopo che
SIMEST avrà ricevuto il rendiconto delle spese sostenute e a condizione che queste
superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili.


Spese ammissibili


a) Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un
market place
o creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma
o componenti hardware e software
o estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la
gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP,
CRM, AI e realtà aumentata)
o creazione e configurazione app
o spese di avvio dell’utilizzo di un market place.


b) Investimenti per la piattaforma oppure per il market place
o spese di hosting del dominio della piattaforma
o fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place
o spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma
o aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche
o spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma
o spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione
o consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma
o registrazione, omologazione e tutela del marchio
o spese per certificazioni internazionali di prodotto.

c) Spese promozionali e formazione relative al progetto
o spese per l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place
o spese per web marketing
o spese per comunicazione
o formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della
piattaforma.
Non sono ammissibili/finanziabili le spese per attività connesse all’esportazione, ossia le
attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una
rete di distribuzione o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione.
Ai fini dell’ammissibilità delle spese è necessaria la presenza di almeno una tra le spese
inerenti la voce “Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo
di un market place”.


Obblighi di rendicontazione delle spese ammissibili


Tutte le Spese ammissibili, dovranno essere opportunamente documentate sulla base
delle modalità previste nella Circolare 02/PNRR/394/2021 e in linea con le dichiarazioni
e impegni a garanzia resi con la sottoscrizione del modulo di domanda.

FONTE SIMEST


Se vuoi maggiori informazioni e avere maggiori possibilità di ottenere fondi e agevolazioni

 Compila subito senza impegno la scheda informativa e ti contatteremo il prima possibile

RAMSES GROUP Scheda informativa

Inserisci il tuo indirizzo email, così possiamo tenerti aggiornato.
In accordo con il Regolamento UE 2016/679 (GDPR) dichiaro di conoscere il diritto di cancellazione, integrazione, aggiornamento e rettifica dei miei dati. Autorizzo RAMSES GROUP srl al trattamento dei miei dati personali per iscrizione alla mailing list (Newsletter), creazione di elenchi telefonici e di gestione dati ed informazioni. Sono a conoscenza che: - i miei dati personali non sono condivisi con terzi, vengono custoditi in modo sicuro e utilizzati esclusivamente a fini non commerciali e per le finalità sopra riportate; - la Newsletter RAMSES GROUP informa sulle novità nel campo della Finanza agevolata, (Finanziamenti a fondo perduto, Bandi, Finanza Straordinaria, Miglioramento del Rating, ecc.); - il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento comporterà l’impossibilità di ricevere la Newsletter; - il Titolare del trattamento è: RAMSES GROUP srl con sede in Via Giovanni Parini n. 21 a Pescara; - il Responsabile del trattamento è RAMSES GROUP srl. Mi competono tutti i diritti previsti dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR): in particolare, per chiedere di cancellare la mia iscrizione dalla mailing-list della Newsletter è sufficiente inviare una e-mail a redazione@ramsesgroup.it indicando nell’oggetto “Cancellatemi”. Preso atto di quanto sopra, il contraente presta consenso al trattamento dei dati.

RAMSES GROUP

Specializzati in Finanza Agevolata e in Contributi a fondo perduto

Conoscenza. Competenza. Esperienza.

Per accedere alla Finanza Agevolata

con la conoscenza delle opportunità offerte dal sistema normativo 

con la competenza che porta a risultati certi

con l’esperienza, l’affidabilità e determinazione dei nostri professionisti

PER INFORMAZIONI SCRIVI A  info@ramsesgroup.it

CONTATTACI AI NUMERI T 085 9493758 – 085 9495867


RAMSES GROUP Finanza e Progetti

IL TUO CONSULENTE SU MISURA PER ACCEDERE AI FINANZIAMENTI 

Pagamento esclusivamente “Success Fee”


RAMSES GROUP

Dott. Alfredo Castiglione – Tributarista – Revisore LegaleIscritto sezione A del M.E.F.
Presidente RAMSES GROUP
cell 335 7141926 castiglione@ramsesgroup.it

Dott.ssa Lucia Di Paolo – Commercialista – Revisore LegaleIscritta sezione A del M.E.F.
Direttore RAMSES GROUP
cell 349 4734793 dipaololucia@gmail.com

RAMSES GROUP ha sede a Pescara, in Via G. Parini n. 21
Chiama per informazioni allo 085 9493758 – 085 9495867
oppure invia una mail info@ramsesgroup.it  Consulta le ultime news sulla finanza agevolata sul sito www.ramsesgroup.it

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi